Barberini riapre domani, martedì 4 febbraio, ma solo per i passeggeri in discesa dai treni e in uscita dalla stazione. A darne notizia Atac, che ha pubblicato una nota su Twitter. Come comunica l'azienda che gestisce il trasporto pubblico in città, la stazione resterà invece interdetta per gli utenti in entrata e in salita a bordo dei convogli. La stazione sarà di nuovo accessibile, nelle modalità già chiarite, a partire da inizio servizio di domani, dalle ore 5.30. Un sospiro di sollievo, anche se in parte, per cittadini e pendolari che lavorano in zona e che per raggiungere via Veneto per molti mesi sono stati costretti a spostarsi alternativamente in autobus, navetta o utilizzando la fermata della metro Repubblica. Una riapertura parziale ma che fa ben sperare che presto l'intero servizio lungo la linea A torni completamente alla normalità. Una volta restituita Barberini agli utenti, a mancare all'appello resterà soltanto Cornelia, chiusa lo scorso 30 dicembre per revisione ventennale di scale mobili e ascensori.

Barberini riapre domani: le scale mobili hanno superato il collaudo

Dare ai passeggeri la notizia della riapertura di Barberini con tanto di data è stato possibile grazie alla prova di sicurezza delle scale mobili, che, dopo un primo tentativo fallito, hanno finalmente superato il collaudo. Pochi giorni fa l'ok dell'Ufficio speciale trasporti a impianti fissi (Ustif), che ha dato il via libera. La chiusura di Barberini, oltre che recare un disagio agli utenti che si spostano per Roma utilizzando il trasporto pubblico, ha creato danni ai commercianti dei negozi della zona, che hanno subito ingenti perdite per la diminuzione del flusso di persone di passaggio. Una riapertura prevista a dicembre scorso e slitatta ai primi mesi del 2020.

Metro Barberini chiusa un anno fa per il crollo di un gradino della scala mobile

La metro di Barberini è chiusa dallo scorso 21 marzo per il crollo di un gradino di una delle scale mobili presenti in stazione. La fermata è stata interdetta a tempo indeterminato, in attesa degli interventi necessari per ripristinare la sicurezza. Una chiusura che ha coinvolto una delle zone centrali di Roma e per diversi mesi, dopo il crollo della scala mobile a Rebubblica dell'ottobre 2018 e a seguire, interdizioni temporanee, alle quale si sono aggiunte quelle più durature di Baldo degli Ubaldi, chiusa per tre mesi dal 18 ottobre scorso fino al 10 gennaio per revisione ventennale di scale mobili e ascensori e di Cornelia, ancora chiusa fino a data da destinarsi.