Opinioni
21 Aprile 2016
13:12

Giachetti infila Pasolini in una campagna anti-gufi. Ma Roma non era “stupenda e misera”?

Il candidato sindaco Pd Roberto Giachetti usa una frase di Pier Paolo Pasolini nella sua campagna elettorale per Roma. Vale la pena di approfondire, ricordare (e non distorcere) quello che il Poeta scrisse (davvero) sulla Capitale.
1968, Pier Paolo Pasolini sul set del film Il Porcile
1968, Pier Paolo Pasolini sul set del film Il Porcile

Citare Pier Paolo Pasolini in una campagna elettorale non è una cattiva idea. Quindi onore a Whip Agency che ci è riuscita. Colpisce tuttavia la scelta della frase utilizzata come slogan per la campagna del candidato sindaco del Pd Roberto Giachetti. «E tu splendi, invece…». È estrapolata da una delle "Lettere Luterane" del poeta, dal titolo "Siamo belli, dunque deturpiamoci". Trattandosi di Pasolini è importante riportare l'intero brano, indirizzato al "Gennariello" cui PPP, sulle pagine del "Mondo" si rivolgeva per descrivergli la società italiana del momento.

«Non lasciarti tentare dai campioni dell'infelicità, della mutria cretina, della serietà ignorante. Sii allegro. La terza cosa che ti viene insegnata dai «destinati a morire» è la retorica della bruttezza. Mi spiego.
Da alcuni anni i giovani, i ragazzi fanno di tutto per apparire brutti. Si conciano in modo orribile. Fin che non sono del tutto mascherati o deturpati, non sono contenti. Si vergognano dei loro eventuali ricci, del roseo o bruno splendore delle loro gote, si vergognano della luce dei loro occhi, dovuta appunto al candore della giovinezza, si vergognano della bellezza del loro corpo. Chi trionfa in tutta questa follia sono appunto i brutti: che sono divenuti i campioni della moda e del comportamento. I «destinati a essere morti» non hanno certo gioventù splendenti: ed ecco che essi ti insegnano a non splendere. E tu splendi, invece, Gennariello
».

Nell'era dei social la frase è diventata : «Non lasciarti tentare dai campioni dell’infelicità, della mutria cretina, della serietà ignorante. Sii allegro. […] T’insegneranno a non splendere. E tu splendi, invece».
Il messaggio del candidato sindaco Pd alle Elezioni comunali di Roma è ancora più conciso e drastico: «E tu splendi, invece, Roma». Invece cosa? Invece di non splendere come vorrebbe qualcuno? Chi sono i «campioni dell'infelicità» sottintesi? Sembra una campagna anti-gufi renziani (o anti-marziani, riferendosi all'Ignazio Marino che aleggia e s'aggrappa all'immaginario di Ennio Flaiano).

La campagna di Giachetti
La campagna elettorale di Giachetti con la citazione di Pasolini

Pier Paolo Pasolini, lo dice la sua vita e lo dice la sua produzione letteraria e cinematografica, amava Roma. Ma quella frase sullo splendere non era destinata alla Capitale. Lo sono, invece, questi versi del "Pianto della Scavatrice".

«Stupenda e misera città,
che m'hai insegnato ciò che allegri e
feroci
gli uomini imparano bambini
».

Altro che splendere. Stupenda e misera città era la Roma di Pasolini. Anche se è tutta campagna elettorale, anche se è storytelling (chissà che avrebbe detto PPP di questo termine, vero?) val la pena di ricordare. E non distorcere.

Giornalista professionista, capo servizio di Napoli a Fanpage.it. Insegna Etica e deontologia del giornalismo alla LUMSA. Ha un podcast che si chiama "Saluti da Napoli". È co-autore dei libri Il Casalese (Edizioni Cento Autori, 2011); Novantadue (Castelvecchi, 2012), Le mani nella città e L'Invisibile (Round Robin, 2013-2014). Ha vinto il Premio giornalistico Giancarlo Siani nel 2007 e i premi Paolo Giuntella e Marcello Torre nel 2012.
Covid Lazio, il 18 luglio 3708 casi e 14 morti: 1962 contagi a Roma
Covid Lazio, il 18 luglio 3708 casi e 14 morti: 1962 contagi a Roma
Prete sfida la camorra con un megafono nelle piazze di spaccio e sotto casa del boss:
Prete sfida la camorra con un megafono nelle piazze di spaccio e sotto casa del boss: "Via da qui"
Covid Lazio, bollettino di oggi 25 luglio: 2.316 nuovi casi, 16 morti e 1.323 contagi a Roma
Covid Lazio, bollettino di oggi 25 luglio: 2.316 nuovi casi, 16 morti e 1.323 contagi a Roma
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni