La Federazione Italiana Nuoto ha aperto un fondo per aiutare Manuel Bortuzzo, il ragazzo di 19 anni ferito all'Axa da Lorenzo Marinelli e Daniel Bazzano. Il giovane, che sognava le Olimpiadi e si allenava ogni giorno per migliorare nel nuoto, è rimasto paralizzato: e con le attuali conoscenze mediche non può tornare a camminare. Adesso si trova ancora in ospedale e una volta uscito dovrà iniziare un lungo percorso di riabilitazione per riprendere in mano la sua vita. Ed è proprio per questo motivo che molti personaggi del mondo dello sport hanno deciso di supportarlo in questi giorni, andandolo anche a trovare in ospedale. "Give #TUTTICONMANUEL" è una campagna di crowdfunding aperta dalla Federazione Italiana Nuoto "destinata esclusivamente a provvedere alle necessità del giovane Manuel Bortuzzo". Nel video di presentazione del fondo compaiono alcuni dei più grandi nuotatori italiani: Federico Turrini, Silvia Meschiari, Elisa Queirolo, Simone Ruffini, Pietro Figlioli, Manila Flamini e Maicol Verzotto.

Il sostegno di Bebe Vio a Manuel Bortuzzo

E proprio oggi è arrivata anche la solidarietà di Bebe Vio, la schermitrice italiana cui il ragazzo ha detto di pensare molto in questi giorni. Bebe e la sua famiglia sono rimasti molto in disparte da quando c'è stato il ferimento di Manuel Bortuzzo, e hanno dichiarato ai giornali che aiuteranno il nuotatore e la sua famiglia una volta che si saranno spenti i riflettori intorno la sua vicenda. Proprio nelle ultime ore il 19enne è stato sentito dalla polizia nel reparto di terapia intensiva dov'è ancora ricoverato: secondo quanto riporta il Corriere della Sera la sua deposizione è segreta, ma avrebbe confermato la ricostruzione fatta dagli agenti. Manuel non aveva mai visto quei due ragazzi in vita sua: la prima volta se li è trovati davanti quella tragica notte in cui gli hanno sparato, sembra urlando "La piazza è nostra". I due sono attualmente detenuti nel carcere romano di Regina Coeli con l'accusa di tentato omicidio, a cui il giudice potrebbe aggiungere l'aggravante del metodo mafioso.