20 Giugno 2016
14:07

Ignazio Marino dopo la vittoria di Virginia Raggi: “Il Pd ha scelto eutanasia”

L’ex sindaco Ignazio Marino ha commentato l’esito elettorale da piazzale Clodio, dove ha chiesto il rito abbreviato per due processi che lo vedono coinvolto (quello sul caso scontrini e sui conti della sua onlus “Image”). Dopo aver fatto i suoi auguri a Virginia Raggi, Marino è tornato ad attaccare il suo ex partito che lo ha costretto alle dimissioni di fronte al notaio.
A cura di Valerio Renzi

L'ex sindaco di Roma Ignazio Marino è tornato a parlare dopo il trionfo al ballottaggio di Virginia Raggi e del Movimento 5 stelle, per la quale aveva fatto pubblicamente il tifo, pronunciando un chiaro endorsement per la candidata grillina. Marino, che ha ancora non ha chiuso i conti con il suo ex partito che ha deciso di mandarlo a casa davanti al notaio, ha attaccato il Pd: "Come nel caso di un paziente terminale, il partito democratico ha voluto consapevolmente assumere una strategia eutanasica e c'è riuscito".

Il commento è arrivato a piazzale Clodio, dove Marino si trovava in tribunale per i processi sull'ormai famigerato "caso scontrini", e per i conti della onlus da lui diretta "Image", procedimenti per i quali ha chiesto e ottenuto il rito abbreviato.  "È un momento importante per la città di Roma – ha aggiunto – C'è stato un voto assolutamente significativo per la candidata Virginia Raggi alla quale faccio i miei auguri più sinceri di buon Lavoro"

L'ex sindaco non si esentato da dispensare i suoi consigli alla nuova inquilina del Campidoglio, rivendicando ancora una volta il lavoro svolto al governo della città: "Ci sono degli impegni che vedranno impegnata Virginia Raggi, la sua giunta e la sua maggioranza. Una maggioranza che sembra essere la più solida che ci sia mai stata a Roma dalla seconda guerra mondiale a oggi, perché dispone di 29 consiglieri del suo stesso partito e con questo gruppo dovrà affrontare sfide epocali come quelle del bilancio, con un debito di 22,4 miliardi di euro lasciato al termine delle giunte Rutelli e Veltroni e degli altri 816 milioni di euro nel disavanzo delle casse comunali e 874 milioni nelle casse dell'Atac lasciato da Alemanno al quale io con la mia giunta avevo posto rimedio con un piano di rientro e con un risanamento di tutti gli sprechi".

 
Elezioni Roma, il cameriere che fece dimettere Marino per il vino da 50 euro si candida con Raggi
Elezioni Roma, il cameriere che fece dimettere Marino per il vino da 50 euro si candida con Raggi
L'ultimo giorno di Virginia Raggi in Campidoglio
L'ultimo giorno di Virginia Raggi in Campidoglio
Cinque anni di Virginia Raggi, il duro report della Cgil: Roma immobile e nessuna scelta coraggiosa
Cinque anni di Virginia Raggi, il duro report della Cgil: Roma immobile e nessuna scelta coraggiosa
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni