Eventi sportivi cancellati a Roma, per contenere l'emergenza coronavirus. Nonostante fino alla fine di febbraio pare fossero confermate, con il nuovo decreto della Preidenza dei Ministri del 4 marzo, alcune delle manifestazioni sportive più importanti della Capitale sono state annullate. Dei giorni scorsi l'annuncio degli organizzatori sulla cancellazione della mezza maratona RomaOstia in programma domenica 8 marzo e della maratona di Roma del 29 marzo. Oggi è arrivata da Ginevra la notizia ufficiale della cancellazione per il 2020 del Gran premio di Formula E, che era fissato in calendario per sabato 4 aprile.

Mezza Maratona RomaOstia dell'8 marzo annullata

La mezza maratona RomaOstia in programma per domenica 8 marzo è stata annullata. "Le valutazioni medico-sanitarie provenienti dagli organismi competenti hanno spinto a valutare inopportuno lo svolgersi della manifestazione sportiva. Sulla base di queste valutazioni, di concerto con le istituzioni presenti al tavolo, così come previsto dall'ultima circolare del Ministero dell'Interno, sarà emanato un provvedimento del Campidoglio per l’annullamento della mezza maratona", si legge in un comunicato del comitato regionale Lazio della Fidal.

Maratona di Roma del 29 marzo cancellata

Ad annunciare l'annullamento della maratona di Roma gli organizzatori dell'evento sportivo sulla pagina Facebook ufficiale ‘Run Rome the Marathon'. "Congeliamo questa esperienza, questa passione, questo desiderio. La salute è l’unico bene che non va MAI messo in pericolo. Vi aspettiamo il 2021, la vostra quota di iscrizione sarà spostata e garantita per tutti il prossimo anno. Metteremo al vostro collo due medaglie: quella del 2020 simbolo della vostra resistenza e perseveranza e quella del 2021 metafora della vostra doppia vittoria".

Gran premio Formula E del 4 aprile annullato

Il Gran premio di Formula E a Roma di sabato 4 aprile è stato annullato. Ad annunciare la decisione gli organizzatori dell'ABB FIA Formula E Championship: "L'evento è cancellato per il 2020 perché non ci è stato possibile fissare in calendario una data alternativa" ha fatto sapere da Ginevra il presidente dell'Automobile Club d'Italia, Angelo Sticchi Damiani. Una decisione presa in linea con i decreti emanati dal governo italiano.

Coronavirus, le disposizioni del governo su eventi e manifestazioni sportive

Eventi e competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, come si legge nel decreto firmato dal premier Giuseppe Conte e in vigore fino al 3 aprile, sia pubblici che privati, vedranno uno stop. Nei comuni diversi da quelli della zona rossa del nord Italia, "tali eventi e competizioni (inclusi gli allenamenti per gli atleti agonisti) restano consentiti negli impianti sportivi utilizzati a porte chiuse, oppure all’aperto senza la presenza di pubblico". Gli impianti sportivi restano aperti, le attività all’aperto o all’interno di palestre, piscine e centri sportivi sono ammesse a condizione che venga rispettata la distanza interpersonale di un metro".