Era stato segnalato ai probiviri del Movimento 5 Stelle che ieri hanno estratto il cartellino giallo nei confronti di Marco Cacciatore, consigliere della Regione Lazio le cui scelte sono state giudicate dissonanti con quelle della politica locale pentastellata, tanto da costargli 30 giorni di sospensione. Un provvedimento disciplinare che ha origine dell'esposto presentato sulla discarica di Monte Carnevale, indicato come sito per la nuova discarica di Roma dopo la marcia indietro di Virginia Raggi, e dalla scelta di votare con la maggioranza il Collegato alla legge di Bilancio, contenente le misure di risposta all'emergenza abitativa, a cominciare dalla sanatoria per gli inquilini senza titolo delle case popolari. Presidente della commissione che si occupa di rifiuti e politiche abitative, Cacciatore ha sempre affermato di aver agito coerentemente con il programma e i principi del Movimento 5 Stelle. Certo è che l'esposto sulla discarica di Malagrotta 2 potrebbe causare non pochi problemi all'amministrazione capitolina con l'interessamento della procura all'iter di autorizzazione.

Cacciatore (M5S): "Rispetto sospensione ma non rinnego le mie scelte"

Prendo atto dell’esito relativo al procedimento disciplinari nei miei confronti, di cui ho ricevuto comunicazione nella giornata di ieri. Il collegio Probiviri ha decretato la mia sospensione per 30 giorni dal M5S relative a due contestazioni: il voto sul Collegato a legge di Bilancio (che comprende la Regolarizzazione ERP) e l’esposto sulla discarica di Monte Carnevale.  – ha dichiarato Cacciatore – Prendo atto della decisione e mi adeguerò. Valuterò se presentare ricorso – anche se dati i termini ristretti potrebbe rivelarsi inutile
Ma pur nel rispetto, non rinnego le mie iniziative. Come dovrebbe fare ogni portavoce M5S, ho sempre cercato di condividere le mie iniziative con i cittadini, le ho portate avanti nello spirito delle proposte fatte ai nostri elettori. Quando la direzione non era data dal programma, mi sono fatto dire dai territori dove stare e mi sono comportato di conseguenza”.