Una scossa di terremoto di magnitudo 4.2 è stata avvertita alle 0.34 di questa notte, con epicentro nei pressi di Amatrice, facendo tornare la paura nella zona devastata dal terremoto del 24 agosto 2016. La scossa – secondo quanto dichiarato dal sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi – non ha provocato danni a cose o persone, ed è stata sentita distintamente anche nella capitale. Nella notte altre quindici scosse di entità minore sono state registrate dai sismografi, la più forte delle quali è stata di magnitudo 2.1 alle 2.41, con epicentro a tre chilometri da Amatrice. Le repliche sono state localizzate tra le province di Rieti, Ascoli Piceno, L'Aquila, Perugia e Macerata.

Il sindaco di Arquata del Tronto: "Ci si mette anche la neve"

"Quando stiamo per dimenticarci arriva un'altra scossa. Quando ci organizziamo si ricomincia da capo. Noi sotto a 4 di magnitudo siamo abituati, ma a 4…", il commento del di Arquata del Tronto Aleandro Petrucci, dopo la scossa che ha fatto tornare alla mente i momenti tragici del terremoto che ha colpito duramente anche il suo paese. "Certo che l'abbiamo sentita. Molti si sono svegliati. Nelle casette la gente è tranquilla, ma chi e' tornato a casa perché aveva l'agibilità ha avuto paura. E poi – spiega – ci si mette anche la neve: nelle frazioni più in alto abbiamo fino a 20 centimetri. Certo questo non ci aiuta a stare sereni. Comunque gli spazzaneve sono entrati subito in funzione, e per il terremoto di stanotte non ci vengono segnalati danni. Che dobbiamo fare? Andiamo avanti".