Con una nota il Policlinico di Tor Vergata smentisce la denuncia riporta ieri da Fanpage.it, in merito al sovraffollamento e alla mancanza di personale nell'area Obi (osservazione breve intensiva) del pronto soccorso: secondo quanto documentato nessun medico era presente di turno e per sessantanove pazienti erano presenti solo due infermieri e uno specializzando. Secondo la direzione del nosocomio universitario le notizie "sono totalmente infondate e offensive nei confronti degli oltre 100 operatori tra medici, infermieri e operatori di supporto che lavorano con impegno e abnegazione nell’area dell’emergenza unitamente ai consulenti delle varie unità specialistiche".

"Nella notte del 31 gennaio erano presenti 5 medici, uno specializzando con il suo tutor, otto infermieri, un operatore sanitario e due ausiliari. – prosegue la nota – Solo nell’ultimo mese gli accessi al PS sono stati 4.156, con una media giornaliera di 138 accessi al giorno con punte fino a 179 soprattutto in questo periodo, in cui i picchi influenzali colpiscono in modo particolare la popolazione anziana, più fragile, ma si tratta di un fatto che riguarda tutte le strutture ospedaliere italiane. Da tenere conto inoltre che in media quasi il 65% degli accessi al Pronto soccorso sono codici bianchi o verdi, cioè non urgenti"

Blitz della ministra Giulia Grillo al Policlinico Umberto I

Questa mattina intanto la sanità nel Lazio, e in particolare a Roma, continua a trovarsi sotto i riflettori. Questa mattina la ministra della salute Giulia Grillo ha visitato il Policlinico Umberto I: "Sono in visita al pronto soccorso più grande d'Italia e forse d'Europa, con 150.000 accessi l'anno, 350 al giorno, che nasce però su un ospedale vecchio, di impostazione antica, e che è obiettivamente difficile da gestire. Detto questo abbiamo trovato una grande qualità nel personale medico, infermieristico e questo va riconosciuto. Mi dispiace però che siano costretti a lavorare in condizioni di sovraffollamento: non si riesce a passare da una parte all'alta, molti pazienti sono seduti sulle barelle, uno sopra l'altro, in condizioni di pulizia scadente". Poi l'attacco al governatore della Regione Lazio Nicola Zingaretti: "Mi è stato detto che non è mai venuto il presidente di Regione Zingaretti a vedere il pronto soccorso. Siccome a me arrivano strali di ogni tipo, io dico che nella battaglia politica tutti possono dire tutto, poi però se si vuole fare il commissario alla sanità di una Regione e non si vede il pronto soccorso più grande della Regione, c'è una mancanza importante".