(La Presse)
in foto: (La Presse)

I rifiuti di Roma ancora senza una destinazione, ora si guarda all'Ardeatina, dopo le valutazioni dei tecnici del Campidoglio e i ‘no' su Monte Carnevale arrivati nei giorni scorsi, l'ultimo solo ieri da Enac, che ha definito la delibera di Capodanno "sbagliata" e ha messo in guardia sul "rischio aerei per la presenza di gabbiani". La giunta Raggi per ora resta ferma sulla realizzazione del sito nella Valle Galeria, tuttavia a Palazzo Senatorio verranno svolte ulteriori verifiche tra aree ‘papabili' nel territorio della Capitale, per preparare un'eventuale alternativa a Monte Carnevale. E già corre ai ripari Dario D'Innocenti, presidente del IX Municipio, che ha inviato una lettera alla sindaca, spiegando che i quattro siti di sua competenza non sono idonei ad ospitare una discarica.

Il presidente del IX Municipio scrive a Raggi

Due i fattori escludenti: la distanza minima richiesta di mille metri dai centri abitati e di tredici dagli aeroporti. Un altro baluardo Cinquestelle potrebbe tremare, dopo le critiche della presidente penstastellata del XII Municipio Silvia Crescimanno e di vari esponenti M5S che sabato scorso sono scesi in strada a manifestare contro la discarica. Il tempo stringe: mercoledì 15 gennaio chiude la discarica di Colleferro e se Raggi deciderà per un dietrofront su Monte Carnevale dovrà presentare un'alternativa alla Regione Lazio.

I quattro siti sull'Ardeatina

Si tratta nello specifico di quattro siti presenti a ridosso dell'Ardeatina e ricadenti nell'IX Municipio. Uno è la discarica di inerti della Adrastea a via Canestrini, recentemente autorizzata a un ampliamento di circa 460mila metri cubi. Area distante meno di un chilometro dal centro abitato di Selvotta e a soli otto chilometri dall'aeroporto di Ciampino. Via di Selvotta ospita un altro impianto ancor più vicino al centro abitato, circa mezzo chilometro. Poi l'impiato Cortac di via Laurentina e quarto la discarica di rifiuti speciali della Ecofer, distante meno di un chilometro dal centro abitato di Falcognana e a soli cinque chilometri dallo scalo di Ciampino.
Opzione quest'ultima, che il direttore capitolino dell'Area rifiuti, Laura D'Aprile ha definito "con minori tempistiche di utilizzo".