104 CONDIVISIONI

Nettuno, tragedia in spiaggia: uomo muore per un infarto, malore per la moglie

L’uomo è stato colpito da un attacco di cuore fulminante mentre era a mare con la moglie. Quest’ultima ha a sua volta accusato un malore e per questo è stata trasferita all’ospedale di Anzio per accertamenti.
A cura di Ida Artiaco
104 CONDIVISIONI

Tragedia su una spiaggia di Nettuno. Un uomo di circa 70 anni è morto a causa di un infarto fulminante mentre si trovava al mare insieme alla moglie. È successo nel pomeriggio di domenica 20 agosto in zona Cretarossa, quando il bagnasciuga era affollato da numerose persone. La vittima si è improvvisamente accasciata a terra, mentre si stava dirigendo in acqua per una nuotata, perdendo i sensi davanti agli occhi increduli dei bagnanti e soprattutto della sua compagna, che è stata anche colta da un malore. Inutili i tentativi di rianimazione, che i sanitari del 118 giunti sul lungo hanno effettuato per circa un'ora prima di dichiararne il decesso.

È stato anche creato un cordone con sdraio ed ombrelloni per proteggere il corpo senza vita del settantenne in attesa dell'arrivo dell'autorità giudiziaria. La moglie, intanto, è stata trasferita all'ospedale di Anzio per accertamenti in via precauzionale. Quella di ieri è stata una giornata difficile sulle spiagge laziali. Anche a Latina una donna di 68 anni, residente a Velletri, è morta dopo essere uscita dall'acqua del mare, dove si era tuffata insieme ad un parente.

104 CONDIVISIONI
Muore a 23 anni durante il tirocinio in pizzeria: forse soffocato da un boccone di mozzarella
Muore a 23 anni durante il tirocinio in pizzeria: forse soffocato da un boccone di mozzarella
Il nunzio apostolico François Bacqué muore di infarto in centro a Roma: lasciato per 3 ore in strada
Il nunzio apostolico François Bacqué muore di infarto in centro a Roma: lasciato per 3 ore in strada
Tragedia in mare, uomo di 40 anni morto a Torvajanica
Tragedia in mare, uomo di 40 anni morto a Torvajanica
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni