Maria Sestina Arcuri e Andrea Landolfi
in foto: Maria Sestina Arcuri e Andrea Landolfi

"Amavo Maria Sestina, era la mia vita" ha detto Andrea Landolfi, il fidanzato della 26enne morta lo scorso 6 febbraio dopo una caduta dalle scale a casa dei nonni del suo compagno a Ronciglione, in provincia di Viterbo. Il 30enne romano, intervistato da ‘Quarto Grado' in onda su Rete 4, ha rilasciato poche parole riguardo alle pensanti accuse rivolte nei suoi confronti che ritraggono il suo come un passato violento. Secondo il racconto di alcuni testimoni a volto coperto, non sarebbe infatti la prima volta che Andrea sia caduto dalle scale insieme alla sua compagna ma che era già accaduto altre volte. "Tanta gente parla di episodi accaduti che ti dipingono in un certo modo molto forte. Quello che posso dire è che bisogna vedere le persone che parlano, e capire perché parlano a volto coperto. Se non ci sono problemi potrebbero parlare a volto scoperto per capire chi è che sta dicendo queste cose". Nessuna parola sulla morte di Sestina: "Non voglio dichiarare nulla ha detto Andrea al telefono – sto solo metabolizzando il mio lutto". Sul braccio Andrea ha tatuaggio con scritto 12/11/2018: "È la data di quando ci siamo messi insieme io e Maria Sestina, il mio amore". Per la morte della giovane di Nocara la Procura di Viterbo ha aperto un'inchiesta e il nome di Landolfi è l'unico iscritto nel registro degli indagati per omicidio.

Il racconto dei conoscenti di Andrea Landolfi

Sempre a ‘Quarto Grado' due testimoni, due conoscenti di Andrea Landolfi hanno detto di non credere all'ipotesi secondo la quale Maria Sestina Arcuri sia morta a seguito di una caduta dalle scale accidentale. Senza mostrare il volto alle telecamere hanno raccontato alcuni episodi nei quali in passato il 30enne romano ha manifestato comportamenti violenti. “La caduta dalle scale è un'immagine che si ripete – ha spiegato uno dei due testimoni – anche l'ex compagna è stata soccorsa dall'ambulanza: agli operatori ha detto che era caduta dalle scale, quando invece chi lo conosce sa che non è così". Sulle accuse rivolte al ragazzo, è intervenuto il suo legale difensore, Luca Cococcia, che ha detto: "Non c'è stata mai in passato una caduta dalle scale né da parte di Andrea né da parte delle sue ex compagne, per lo meno per quanto mi ha detto il mio assistito" E ha chiarito: "Ho trovato conferma di ciò anche dalla lettura delle carte che hanno riguardato il procedimento per il quale poi Andrea è stato assolto".