Metro A Repubblica chiusa da quattro mesi
in foto: Metro A Repubblica chiusa da quattro mesi

La stazione metro di Repubblica, sulla linea A della Metropolitana, dovrebbe riaprire a partire dal mese di maggio. Lo hanno comunicato ieri gli assessori ai Trasporti e al Commercio di Roma, Linda Meleo e Carlo Cafarotti durante un incontro con i commercianti della zona, che da tempo lamentano di essere stati danneggiati economicamente dalla chiusura della stazione. La fermata di Repubblica non è ancora attiva perché si è in attesa di pezzi su misura per riparare la scala mobile, che si è rotta dopo il tragico incidente del 23 ottobre scorso. Queste parti non sono attualmente reperibili in commercio, ma devono essere fabbricate ex novo per permettere alla scala di funzionare nuovamente. Ancora non si conoscono i motivi che hanno portato al cedimento della struttura e al ferimento di 24 persone. Inizialmente era stata diffusa la notizia che il guasto si sarebbe verificato a causa dei tifosi del Cska Mosca, che si sarebbero messi a saltare in massa sulla scala mobile. Ricostruzione, questa, smentita subito dopo. A distanza di quattro mesi, però, non è stata fatta ancora chiarezza sulla dinamica dell'accaduto.

Metro Repubblica, l'incidente del 23 ottobre 2018

Il 23 ottobre 2018 un gran numero di persone si trovava sulla scala mobile della fermata Repubblica, sulla linea A della metropolitana. A un certo punto la struttura ha iniziato ad andare molto più veloce del normale, e decine di persone sono precipitate nel momento del crollo. A causa del disastro si è reso necessario l'intervento dei Vigili del Fuoco, che si sono messi subito al lavoro per estrarre le persone rimaste incastrate nelle lamiere. Sette di loro sono state trasportate in gravi condizioni all'ospedale, mentre un uomo ha rischiato l'amputazione del piede. In tanti sono fuggiti in preda al panico fuori dalla stazione temendo un attentato. Da allora, la fermata metro di Repubblica è rimasta chiusa: ma sembra che a maggio i cittadini potranno utilizzarla nuovamente.