"Bisogna verificare ciò che è accaduto al di sotto della struttura". Resta sotto sequestro la scala mobile crollata lo scorso 23 ottobre alla fermata Repubblica della metro A. Secondo quanto si apprende dal quadro della consulenza disposta dai pm coordinati dal procuratore aggiunto Nunzia D'Elia, la rimozione della scala verrà affidata ad una società specializzata, per svolgere ulteriori accertamenti. Nessuna restrizione invece, per il resto dell'infrastruttura. Proseguono intanto le indagini, al momento il fascicolo ipotizza il reato di disastro colposo. Sulla scala tre mesi fa rimasero ferite 24 persone, tra cui i tifosi del Cska di Mosca, che stavano andando all'Olimpico per l'incontro di Champions League.

Crollo della scala mobile: chiusa la fermata della metro Repubblica

Lo scorso 23 ottobre, una scala mobile alla fermata della metro Repubblica di Roma è crollata, facendo precipitare decine di persone. Alcune sono state estratte dalle lamiere dai vigili del fuoco, avevano gli arti incastrati. Un uomo ha rischiato l'amputazione di un piede a causa delle gravi ferite riportate. Da quanto ricostruito al momento del crollo i supporter del Cska sarebbero stati una quarantina e scendevano la scala cantando tra cori da stadio, quando l'allegria all'improvviso si è trasformata in terrore. I feriti sono stati trasportati in ospedale di questi sette erano in codice rosso in gravi condizioni.