Hanno confessato i due ragazzi di Acilia di 24 e 25 anni: "Abbiamo sparato per sbaglio a Manuel Bortuzzo" hanno detto agli investigatori, durante l'interrogatorio in corso in Questura. I giovani sono stati fermati perché sospettati della sparatoria accaduta tra sabato e domenica scorsi davanti a un pub ad Axa, Roma, nella quale è rimasto ferito il 19enne, promessa del Nuoto, che ha riscontrato una lesione completa alla colonna vertebrale. I medici hanno detto che Manuel non potrà più camminare. Si tratta di due ragazzi, L.M. e D.B. di 24 e 25 anni, entrambi di Acilia, che sarebbero stati riconosciuti dal loro aspetto fisico: uno dei due infatti, ha il doppio taglio di capelli e viaggiava sul veicolo a due ruote come passeggero, senza casco. A loro gli investigatori sono arrivati grazie alle descrizioni ricavate da alcune testimoni. Entrambi avrebbero precedenti per droga e il ragazzo che era alla guida dello scooter aveva anche precedenti per rapina. Da questo pomeriggio sono stati portati in Commissariato, dopo una serie di evidenze investigative emerse a loro carico. I due ragazzi si sono presentati negli uffici accompagnati dai loro avvocati, si attendono le misure che saranno prese nelle prossime ore nei loro confronti, interrogati dal pubblico ministero Elena Nera e dal procuratore aggiunto Nunzia D'Elia. Secondo le informazioni apprese, avrebbero spiegato di averlo colpito per errore perché "era buio e non si vedeva".

Matteo Salvini: "Chi ha sparato a Manuel Bortuzzo deve marcire in galera"

Sul caso è intervenuto anche il ministro dell'Interno e vicepremier Matteo Salvini che ha detto"Grazie alle Forze dell'Ordine per il consueto impegno e l'alta professionalità. Gli infami che hanno sparato a Manuel Bortuzzo devono marcire in galera: spero vengano individuati con certezza al più presto". Anche il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, ha ringraziato l'operato della Polizia di Stato chiedendo che sia fatta giustizia per Manuel e si è detto vicino alla famiglia del ragazzo.