1.621 CONDIVISIONI
26 Agosto 2016
14:07

Lo sfogo di Francesca: “Ad Amatrice nessuno dirà ‘prima gli italiani poi gli immigrati'”

Lo sfogo della residente di uno dei centri devastati dal terremoto: “Posso assicurare che a nessun amatriciano sentirete dire che bisogna cacciare gli immigrati dagli alberghi per metterci i terremotati”.
1.621 CONDIVISIONI
francesca-amatrice

Francesca Spada, residente a Amatrice, uno dei centri del reatino spazzati via dal terremoto del 23 agosto, ha scritto un post su Facebook che ha avuto migliaia di condivisioni. Perché ha il merito di parlare chiaro e al cuore: "La mia casa di Amatrice è inagibile – inizia – . Non è la mia prima casa quindi un posto dove andare ce l'ho. Ma posso assicurare che a nessun amatriciano sentirete dire che bisogna cacciare gli immigrati dagli alberghi per metterci i terremotati".

Due, i motivi per cui, secondo Francesca, non bisogna prestarsi a questa assurda differenza tra "noi" e "loro "Primo  – dice –  perché per chi ha vissuto un dramma così la solidarietà è un sentimento molto forte – specie se sei vivo solo grazie a chi ti ha aiutato. E uno che scappa dalla guerra lo senti un po' un tuo simile.  Secondo – conclude – perché a Amatrice era ospitato un gruppo di richiedenti asilo, a cui tutti si erano affezionati – sì, si possono percepire gli immigrati come parte della comunità. E perché l'altra notte erano anche loro a scavare, e perché anche qualcuno di loro sta sotto le macerie. Quindi grazie lo stesso, e accoglienza per tutti quelli che ne hanno bisogno, senza ‘noi' e ‘loro'".

1.621 CONDIVISIONI
Ischia, la commissaria Calcaterra:
Ischia, la commissaria Calcaterra: "Prima salvare le persone, poi parleremo delle cause del disastro"
50.934 di AntonioMusella
Morta la professoressa Biancamaria Tedeschini Lalli: è stata la prima rettrice in Italia
Morta la professoressa Biancamaria Tedeschini Lalli: è stata la prima rettrice in Italia
Ida Trofa, sfollata due volte: prima il terremoto e poi la frana:
Ida Trofa, sfollata due volte: prima il terremoto e poi la frana: "Qualcuno ci deve risposte"
36.159 di Gaia Martignetti
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni