Manuel Bortuzzo in piscina
in foto: Manuel Bortuzzo in piscina

Oggi Manuel Bortuzzo ha ricominciato a nuotare ed è successo a poco più di un mese di distanza da quel colpo di pistola maledetto che gli ha paralizzato gli arti inferiori. In questo video, pubblicato sulla pagina Facebook TuttiConManuel, si vede il 19enne mentre fa qualche bracciata a stile libero, senza poter muovere le gambe, ovviamente, nella piscina della Fondazione Santa Lucia di Roma, dove sta seguendo il suo percorso di riabilitazione. "Ciao ragazzi, sono tornato in vasca oggi, un'emozione bellissima, da oggi inizia la mia riabilitazione in acqua. Ciao a tutti e ci vediamo presto", le parole di Manuel dopo essersi tolto gli occhialetti ed essere arrivato a nuoto a bordo vasca.

Manuel Bortuzzo, rimasto paralizzato dopo essere stato ferito con un colpo di pistola

Manuel Bortuzzo è stato ferito da un colpo di pistola sparato a pochi passi da un pub di piazza Eschilo, quartiere Axa di Roma, dove il ragazzo si trovava insieme alla fidanzata 16enne. Proprio a Martina, qualche giorno fa, a un mese esatto dall'accaduto, ha voluto dedicare un commovente messaggio su Instragram: "Ciò che voglio ricordare è quell'attimo in cui sono caduto a terra, un attimo prima di non ricordare più nulla, quel momento in cui cercavo di pensare a tutte le cose che non sono riuscito a fare nella mia vita. Ma non ci riuscivo. Il mio unico pensiero era "ora o mai più, lo deve sapere".  Ed è li a terra che ho preso il suo viso nelle mie mani e le ho detto per la prima volta "ti amo". Per me il 3 febbraio è stato questo". Il proiettile che lo ha colpito gli ha lesionato gravemente il midollo spinale provocando una paralisi irreversibile, secondo i medici dell'ospedale San Camillo, degli arti inferiori. Per il tentato omicidio di Manuel sono indagati Daniel Bazzano e Lorenzo Marinelli.

A commuovere tutta Italia furono le prime parole pronunciate da Manuel dopo il tragico ferimento. Il ragazzo mostrò coraggio e voglia di raggiungere presto nuovi obiettivi, senza mai abbandonarsi alla rassegnazione e alla disperazione: "Vi abbraccio uno ad uno. State tranquilli. Io, nonostante tutto, vado avanti per la mia strada. E tornerò più forte di prima. Vi abbraccio ancora", disse il ragazzo.