Corso Francia
in foto: Corso Francia

Il semaforo pedonale di Corso Francia non ha il giallo, ma solo un verde lampeggiante per circa tre secondi. L'avvocato della famiglia Romagnoli, Cesare Piraino, ha girato un filmato che lo dimostra. Il legale che assiste i genitori di una delle due sedicenni di Collina Fleming, investite a Corso Francia la notte tra il 21 e il 22 dicembre, sta lavorando insieme a un perito nominato dalla famiglia, per svolgere una ricostruzione scientifica dell'incidente e degli accertamenti "compatibilmente con i nostri poteri e nei limiti consentiti ai fini dell'accertamento pieno della verità" e ha notificato nuovi elementi in Procura. Piraino ha spiegato a Fanpage.it che Gaia e Camilla "hanno attraversato con il verde pedonale – ha detto l'avvocato – il semaforo pedonale di corso Francia, ha una peculiarità: non presenta il semaforo giallo che avverte i pedoni di accelerare il passo, ma presenta solo il semaforo verde e rosso”.

Al vaglio le telecamere

Restano ancora aspetti poco chiari sulla dinamica del sinistro in cui sono rimaste coinvolte fatalmente Gaia Von Freymann e Camilla Romagnoli. I testimoni finora ascoltati hanno fornito agli inquirenti versioni in parte divergenti.  Non è chiaro ancora oggi se Gaia e Camilla abbiano scavalcato il guard-rail centrale o se abbiano attraversato sulle strisce pedonali o a pochi passi da esse, andando verso l'inizio della rampa per il Foro Italico. L'acquisizione di alcune immagini delle telecamere di sicurezza di alcuni esercizi commerciali lungo Corso Francia, aiuterà a fare chiarezza su quanto è accaduto quella tragica sera.

Il 2 gennaio l'interrogatorio di Pietro Genovese

Pietro Genovese sarà interrogato giovedì 2 gennaio, quando davanti agli inquirenti dovrà raccontare la sua versione dei fatti su quanto accaduto la notte in cui il suo suv ha urtato le due ragazze. Genovese, figlio del regista Paolo, è agli arresti domiciliari dal pomeriggio dello scorso 26 dicembre per duplice omicidio stradale.