Sbarcherà domani nella Capitale l'eurodeputato della Lega Nord Mario Borghezio. "Sarò a Roma per mostrare la mia diretta vicinanza nei confronti dei cittadini italiani che si sentono assediati nei loro quartieri, vessati da degrado, immigrazione clandestina, sporcizia e totale assenza di sicurezza", ha dichiarato Borghezio  nella nota stampa per poi dare il programma del suo tour capitolino: "Visiterò due zone difficili della capitale finite sotto i riflettori in questi giorni. La mattina mi recherò a Tor Sapienza, dove incontrerò gli abitanti del quartiere che difendono il loro sacrosanto diritto a vivere nella sicurezza e nella tranquillità, portando loro anche la solidarietà del segretario Matteo Salvini. Nel pomeriggio parteciperò ad una fiaccolata in zona Fidene Serpentara a sostegno dell'anziano massacrato da una gang probabilmente proveniente dall'est Europa; anche lì i cittadini denunciano lo stato totale di abbandono, tra degrado e scorribande degli abitanti dei vicini campi rom, da parte delle istituzioni. Per questo motivo ritengo fondamentale partecipare".

Se Borghezio ormai è di casa nella Capitale, ospite di Casa Pound

Così, dopo l'annuncio della visita di Salvini sarà intanto Borghezio, famoso per le sue esternazioni contro gli immigrati, a paracadutarsi su Roma. L'esponente leghista è sempre più spesso di casa nella Capitale: eletto nella circoscrizione del Centro Italia ha fatto da questa estate molto parlare di se. Prima ha condotto la sua campagne elettorale andando in visita nei quartieri multietnici di Roma, rimediando anche una figuraccia dopo essere stato cacciato da Tor Pignattara dalle mamme della scuola Pisacane, esempio di convivenza multiculturale. Poi quest'estate ha guidato un corteo in centro contro i centri di accoglienza per immigrati in diversi quartieri della città. La manifestazione era sostenuta dall'organizzazione di estrema destra Casa Pound, il cui presidente Gianluca Iannone ha chiesto ai propri militanti di votare proprio Borghezio alle europee. Casa Pound ha inoltre sfilato assieme alla Lega a Milano nella manifestazione nazionale contro l'immigrazione dello scorso 18 ottobre. Sempre con l'aiuto di Casa Pound, secondo quanto denunciato dalla preside dell'istituto, Borghezio si è presentato nella scuola media ex Lombardo Radice di Casal Bertone per chiedere che fosse eretto un muro per dividere le aule dei ragazzi delle medie da quelle dove studiano italiano gli studenti immigrati del Ctp.

A Fidene si terranno due distinte fiaccolate in solidarietà con il 70 enne pensionato Gino Lozzi, massacrato durante una rapina in casa la scorsa settimana. Da una parte alle 16,00 si riunirà Casa Pound con parole d'ordine inequivocabili come "basta immigrazione" o "difendiamo gli italiani", e a cui c'è da scommettere parteciperà anche l'eurodeputato della Lega. Dall'altra alle 19 si terrà una fiaccolata indetta dal comitato di quartiere e a cui hanno dato adesione in maniera trasversale esponenti politici municipali dal Pd a Fratelli d'Italia. Dalle 15 gli antirazzisti del III municipio annunciano "un volantinaggio e azioni di comunicazione per il quartiere per denunciare che c'è chi, come Borghezio e i neofascisti, vogliono strumentalizzare il dolore di una famiglia e una tragica vicenda di cronaca per la loro propaganda razzista".