28 Novembre 2016
12:32

Cranio Randagio, gli amici avrebbero immediatamente telefonato al 118: mistero risolto?

La prima chiamata al 118, emrege dai tabulati telefonici, sarebbe stata effettuata alle 13.55 di sabato mattina, cioè appena i proprietari di casa si sono accorti del malore del rapper 22enne. I medici sarebbero arrivati un quarto d’ora dopo, alle 14.08. L’esito degli esami sul corpo di Cranio Randagio stabiliranno le cause della morte del ragazzo.
A cura di Enrico Tata

Perchè gli amici di Cranio Randagio hanno aspettato un'ora prima di chiamare i soccorsi? Una domanda che potrebbe rivelarsi inutile e priva di fondamento, almeno stando alla ricostruzione pubblicata questa mattina sulla Repubblica. Secondo il quotidiano romano la prima chiamata al 118 viene stata effettuata alle 13.55 di sabato mattina, cioè appena i proprietari di casa si accorgono del malore del rapper 22enne. I medici arrivano un quarto d'ora dopo, alle 14.08. Nel frattempo, dimostrerebbero i tabulati, i ragazzi chiamano una seconda volta il 118 e cercano di avvertire un medico che abita nei dintorni. Suonano al campanello, ma nessuno risponde. Secondo le prime ipotesi pubblicate sui quotidiani, anche il nostro, i soccorsi sarebbero stati chiamati un'ora dopo la scoperta del malore di Cranio Randagio, intorno alle 15. Una ricostruzione, questa, che alla luce dell'analisi dei tabulati appare errata.

I medici entrano nell'appartamento alla Balduina, sistemano Cranio Randagio, Vittorio Bos Andrei all'anagrafe, sul pavimento e provano a rianimarlo. Il padrone di casa, padre di uno dei ragazzi che hanno organizzato la festa, rientra alle 14 e 15 quando le procedure dei sanitari sono ancora in corso. Il telefono dell'abitazione squilla diverse volte. La prima è una chiamata di una ragazza a cui viene risposto solo: "Vittorio sta male". Le altre, che non ricevono risposta, sono quelle della madre di Vittorio, preoccupata perché il figlio non è ancora rientrato in casa. Se il mistero dei soccorsi sembra avviato ad essere risolto, sempre se queste ipotesi verranno confermate, è ancora giallo sulle cause della morte del rapper. I risultati degli esami tossicologici ancora non sono pronti. Questi stabiliranno come è morto Cranio Randagio: un mix fatale di alcol e droghe leggere che ha provocato un arresto cardiaco oppure un abuso di droghe pesanti. L'autopsia sul corpo del rapper ha già stabilito che Vittorio non soffriva di alcuna patologia cardiaca.

Covid Lazio, bollettino di giovedì 17 novembre: 3.600 nuovi casi e un morto, 1.850 contagi a Roma
Covid Lazio, bollettino di giovedì 17 novembre: 3.600 nuovi casi e un morto, 1.850 contagi a Roma
Si fingono amici di famiglia e molestano una 17enne alla fermata dell'autobus
Si fingono amici di famiglia e molestano una 17enne alla fermata dell'autobus
Tassista altera il tassametro per far pagare di più le corse ai clienti: denunciato per truffa
Tassista altera il tassametro per far pagare di più le corse ai clienti: denunciato per truffa
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni