I pazienti positivi al Covid-19 attualmente ricoverati nell'ospedale Spallanzani di Roma sono in totale 210. Di questi, 25 necessitano di supporto respiratorio e sono in Terapia Intensiva, mentre gli altri non presentano problematiche di tale gravità e riescono a respirare autonomamente. In giornata sono previste dimissioni di pazienti che non presentano sintomi da Covid-19 o che presentano sintomi molto lievi. Sono invece 138 i pazienti che, a questa mattina, sono stati dimessi e trasferiti a domicilio o presso altre strutture del territorio. Lo si legge nel bollettino diffuso oggi, 28 marzo 2020, dall'ospedale romano.

È inoltre in corso, si legge ancora nella nota, un programma di monitoraggio della popolazione di Nerola, in provincia di Roma, dove c'è un focolaio di Covid-19; i controlli fanno parte del Progetto Regionale Ospedale – Territorio, coordinato dall’Istituto Spallanzani, in collaborazione con l’Ordine dei Medici di Roma e da Confcooperative, d’intesa con la Direzione della Asl Roma 5. Ieri, sempre secondo i dati dello Spallanzani, nella struttura erano ricoverate per Covid-19 202 persone, delle quali 25 in Rianimazione (bollettino del 27 marzo 2020).

Ieri nel Lazio sono stati registrati 199 casi di contagio. Secondo le stime il picco non è però ancora arrivato, e nei prossimi giorni i numeri potrebbero salire ulteriormente. Attualmente in regione ci sono 5 strutture dedicate ai pazienti Covid più gravi solo a Roma e una per ogni capoluogo di provincia; complessivamente il sistema sanitario regionale dispone di 2.450 posti di degenza riservati ai pazienti contagiati da coronavirus, dei quali 450 in Terapia Intensiva. Per fronteggiare l'emergenza epidemiologica sono stati assunti 811 operatori sanitari, tra cui 329 medici, 378 infermieri.