Immagine di repertorio (La Presse)
in foto: Immagine di repertorio (La Presse)

Il coronavirus è arrivato anche in una casa di riposo di Fiuggi, in provincia di Frosinone. Presso la struttura Hermitage, 18 anziani su 37, sottoposti a tampone, sono risultati positivi ai test per la ricerca del CoVid-19. A renderlo noto l'unità di crisi della Regione Lazio. "Le prime misure adottate, come previsto in questi casi – si legge nella nota – hanno riguardato l'isolamento e la verifica su tutti gli ospiti e dipendenti da parte della Asl di Frosinone. Avviata l'indagine epidemiologica". Da giorni è alta l'attenzione verso le case di riposo del Lazio, che potrebbero rivelarsi delle focolai problematici a causa della presenza di pazienti a rischio, per età avanzata o patologie pregresse.

Coronavirus nelle case di riposo del Lazio

Il caso di Fiuggi arriva dopo l'elevato numero di contagi a Nerola, alle porte di Roma, diventata zona rossa e chiusa fino all'8 aprile in entrata e in uscita per i troppi casi riscontrati nella casa di riposo Santissima Maria Immacolata. A seguito degli accertamenti sono risultati positivi 16 operatori su 40 e 56 anziani su 63, che si trovano in isolamento. Due gli anziani morti nella casa di riposo Giovanni XXIII in via Galeffi a Roma. Sono 13 i contagiati, di cui uno ricoverato in ospedale e 5 gli operatori sanitari risultati positivi. La casa di riposo ospita 66 persone ed è stata sottoposta ad isolamento dal 21 marzo scorso. Nella gestione della struttura portata avanti dalla Fondazione Sorelle della Carità, ora è subentrata la Asl Roma 2.