I due sospettati per l’uccisione del vicebrigadiere Mario Rega
in foto: I due sospettati per l’uccisione del vicebrigadiere Mario Rega

I carabinieri hanno individuato il pusher che avrebbe truffato i due americani sottoposti a fermo per l'omicidio del vicebrigadiere Mario Cerciello Rega; avrebbe dato loro dell'aspirina al posto della droga. Da questa truffa sarebbe partita la sequenza di eventi che ha portato alla morte del carabiniere: il furto del borsello, la richiesta di soldi per la restituzione e l'appuntamento a cui si erano presentati Cerciello Rega e il collega, in borghese, per quello che sembrava un normale "cavallo di ritorno". A quel punto gli americani, così come hanno sostenuto in sede di interrogatorio, credevano che il vicebrigadiere e il collega fossero amici dell'uomo che li aveva truffati e, temendo di essere di nuovo raggirati, uno dei due aveva tirato fuori il coltello.

L'uomo individuato dai carabinieri come pusher sarebbe un italiano, che risulta indagato per reati di droga. Resta al vaglio degli inquirenti anche la posizione di Sergio Brugiatelli, che secondo la ricostruzione avrebbe indirizzato i due californiani verso il pusher che poi li aveva truffati; essendosi lo spacciatore allontanato, i due avrebbero deciso di vendicarsi su Brugiatelli, rubandogli il borsello e chiedendogli il riscatto. Successivamente l'uomo aveva chiamato i carabinieri per denunciare il furto, senza menzionare la questione della droga; le registrazioni delle due telefonate intercorse tra lui e la centrale operative sono state rese pubbliche. Brugiatelli avrebbe poi detto ai carabinieri che a derubarlo sarebbero stati degli extracomunitari africani.

La ricostruzione della morte del vicebrigadiere

Dopo le telefonate di Brugiatelli una pattuglia in divisa è stata inviata verso il luogo del furto, piazza Gioacchino Belli, a Trastevere. L'uomo avrebbe di nuovo contattato le persone che avevano il suo cellulare, prendendo appuntamento in via Pietro Cossa, nel quartiere Prati. A quel punto sarebbe stata inviata la seconda pattuglia, in borghese, costituita da Mario Cerciello Rega e da Andrea Varriale, col compito di andare all'appuntamento per la restituzione del borsello. Subito dopo l'arrivo, però, uno dei due americani ha estratto il coltello, una baionetta o un serramanico, e ha sferrato numerosi fendenti verso il vicebrigadiere, mentre l'altro stava lottando con Varriale. Nei paraggi c'erano altre pattuglie di sorveglianza, ma quando sono intervenute Cerciello Rega era già morto e i due californiani erano riusciti a scappare.

L'autopsia su Mario Cerciello Rega conferma: 11 coltellate

L'autopsia ha confermato che le coltellate inferte al vicebrigadiere dei carabinieri non erano otto, come inizialmente riferito, ma 11. Gli esami autoptici sono stati svolti ieri, 27 luglio, nell'Istituto di Medicina legale della Sapienza; secondo i medici Cerciello Rega è deceduto a causa della forte emorragia causata dalle coltellate. Il primo colpo sarebbe stato quello sferrato al cuore, che avrebbe impedito le reazioni: sugli arti non ci sarebbero altri segni di colluttazione. A sferrare i fendenti sarebbe stato Elder Finnegan Lee, reo confesso; è stato individuato e in una stanza d'albergo con Gabriel Christian Natale Hjorth, anche lui accusato, in concorso, per l'omicidio del vicebrigadiere.