Salvo Di Maggio, presidente del Consorzio Alberto Bastiani, di cui fanno parte anche Cooperativa Ermes e Comunità Capodarco, si occupa di Rom e nomadi a Roma da circa 25 anni. Da questa mattina è indagato per un giro di mazzette  che sarebbero state pagate da alcuni imprenditori ai funzionari di Roma per agevolare appalti per la gestione dei campi rom. Il consorzio di Di Maggio nella Capitale è una delle coop che riceve più finanziamenti per quanto riguarda i campi nomadi. Molti di più di quanti ne prendeva la cooperativa 28 giugno di Salvatore Buzzi, a processo dopo la maxi inchiesta su Mafia Capitale. Stando ai dati riportati in un dossier dell'associazione 21 Luglio, solo nel 2013 le coop Ermes e il Consorzio Bastiani hanno ricevuto tra i 500mila e un milione di euro di finanziamenti per i loro servizi all'interno dei campi rom. La cooperativa di Buzzi, sempre secondo il rapporto, ne avrebbe presi tra i 100mila e i 250mila. La cooperativa Ermes riceveva soldi per la scolarizzazione dei giovani abitanti dei campi rom, mentre il consorzio Bastiani riceveva finanziamenti dal Comune per la gestione ordinaria e la bonifica dei campi.

Nel 2013 il dipartimento Politiche Sociali della giunta Marino ha affidato al Consorzio Bastiani la bonifica del campo rom di via di Salone per affidamento diretto e quindi senza alcun bando di gara. Questo nonostante gli importi superassero i limiti imposti dalla legge, ha detto nel 2015 il senatore Andrea Augello in un'interrogazione parlamentare al ministro Angelino Alfano. Il 23 maggio 2014 il Comune provvedeva a liquidare un importo di 161.635 euro "per l'intervento urgente di bonifica presso il villaggio Rom di via di Salone, in favore del Consorzio di cooperative sociali Alberto Bastiani Onlus". L'affidamento diretto risale al 19 Dicembre 2013, che va a sommarsi a un altro precedente del 10 dicembre di 97.814 euro. Totale, oltre 260 mila euro.

 Bastiani, Capodarco ed Ermes: da vent'anni operano nel sociale a Roma

Il Consorzio Bastiani, si legge sul sito, nasce nell’ottobre del 2001 dall’esperienza della Comunità Capodarco di Roma, per promuovere l’inserimento lavorativo delle persone in situazione di disagio. Il Consorzio promuove le cooperative nate dal Movimento di Capodarco di Roma ed è impegnato nella diffusione della Cooperazione sociale nel tessuto locale. Come detto, ne fanno parte la cooperativa Ermes e la Comunità Capodarco di Roma.

Presidente attuale di Capodarco è Augusto Battaglia, esponente del Partito democratico, Ds prima, ed ex assessore regionale alla Sanità. Recentemente la cooperativa Ermes, insieme ad altre, aveva protestato contro un bado del commissario Tronca sulla sulla gestione dei  campi rom a Roma: 5 milioni di euro per manutenzione e servizio di vigilanza. Niente più servizi sociali, come la scolarizzazione di cui prima si occupavano queste cooperative. Il bando veniva definito "un ritorno all’era Alemanno, a un sistema inefficace e fallimentare sul fronte della sicurezza e del controllo a discapito dell’integrazione sociale. Così gli operatori sociali si trasformano in vigilantes dei campi rom”.