Virginia Raggi ospite della puntata di Porta a Porta del 20 marzo 2019.
in foto: Virginia Raggi ospite della puntata di Porta a Porta del 20 marzo 2019.

"Sono su tutte le furie, non me l'aspettavo. Questa notizia mi ha assolutamente colto di sorpresa". Parola del sindaco Virginia Raggi, ospite della puntata di Porta a Porta del 20 marzo in cui è intervenuta per commentare l'arresto per corruzione di Marcello De Vito, presidente dell'Assemblea Capitolina e storico volto del Movimento 5 stelle nella capitale. "Quando si lavora tanto per contrastare un sistema, ci si mette la faccia: e quando si vede che chi dovrebbe giocare con te gioca invece con l'avversario, viene molta rabbia". Espulso dal Movimento 5 stelle per voce del capo politico Luigi Di Maio a poche ore dall'arresto, ora tutti prendono le distanze da De Vito, a cominciare dalla sindaca.

"I suoi comportamenti sono incompatibili con il progetto di pulizia che stiamo portando avanti, questa è la grande differenza rispetto agli altri partiti. Abbiamo reagito con rapidità dimostrando la nostra integrità. Tutti sbagliano, la differenza sta nella reazione". E sul progetto dello Stadio della Roma, ormai una vera "croce e delizia" per la Capitale, la Raggi ha spiegato che la Procura ha precisato che il procedimento "non è stato toccato dall'inchiesta", in più chiarisce di aver "chiesto di fare accertamenti anche sui Mercati Generali, sull'ex Fiera di Roma e sul progetto a piazza Ippolito Nievo, per vedere se ci sono state anomalie e deviazioni", ovvero sui progetti urbanistici per i quali alcuni gruppi imprenditoriali avrebbero stabilito un rapporto con De Vito per assicurarsi il suo interessamento.