Nicola Zingaretti Alessio D’Amato
in foto: Nicola Zingaretti Alessio D’Amato

Questa mattina il governatore del Lazio e segretario del Partito Democratico Nicola Zingaretti, ha tenuto una conferenza stampa assieme all'assessore alla Sanità Alessio D'Amato per presentare i primi risultati della campagna di test seriologici per il coronavirus. È stata l'occasione per Zingaretti per tornare a rivolgersi direttamente ai cittadini, invitandoli a fare la massima attenzione durante la Fase 2 per limitare i contagi. Distanziamento sociale e rarefazione sociale al centro dunque dei comportamenti individuali con la riapertura, accortezze che vanno utilizzate anche nella vita privata, sottolineando come "i nuovi cluster sono in famiglia o tra gruppi di amici".

"Le mascherine devono diventare come un piercing o la cravatta"

Zingaretti si è poi rivolto anche specificatamente ai più giovani, chiedendogli di continuare a fare attenzione per tutelare i più deboli e gli anziani. "Alle ragazze e ai ragazzi che possono tornare a frequentare i locali la sera, dico: pensate a voi stessi, ai vostri genitori, ai vostri nonni, perché potete essere vettori del virus. – ha spiegato – Per questo mi auguro che la mascherina, oltre ad essere una protezione, diventi la moda dell'estate". Il leader dem ha spiegato che visto che "le mascherine le dobbiamo tenere fino al vaccino" devono "diventare un oggetto di uso comune come la cravatta, il foulard, un braccialetto, un piercing".

E proprio sull'utilizzo della mascherina ha insistito a più riprese: "Faccio un appello a tutti: uscite di casa e indossate le mascherine. So che e' fastidioso e fa caldo, ma non prendiamoci in giro, le dobbiamo tenere fino a che non si trova un vaccino". "Dai dati emerge che i nuovi cluster pericolosi sono gli ambiti familiari e i rapporti con gli amici. – ha aggiunto – Quindi anche se la preoccupazione ricade sui luoghi più affollati, bisogna ricordarsi che l'infezione può avvenire proprio dove pensiamo di poter allentare la tensione. Su questo l'attenzione deve rimanere altissima. Per questo è importante continuare a portare le mascherine, a lavarsi le mani, a lasciare le scarpe fuori dall'ingresso di casa e a sanificare gli ambienti".

Zingaretti: "Vaccino per coronavirus sia prodotto in Italia"

Nel corso della conferenza stampa il governatore è anche intervenuto sull'obbligo del vaccino antifluenzale per gli over 65 introdotto dalla Regione Lazio, invitando il governo a prendere a livello nazionale un provvedimento analogo, e sul vaccino studio all'ospedale Spallanzani di Roma, chiedendo che questo venga prodotto in Italia una volta validato per garantirne l'accesso a tutti:  "La produzione industriale del vaccino sia fatta dal sistema industriale italiano e prodotto in Italia. Questa è la garanzia che i cittadini potranno avere accesso alla possibilità del vaccino come un diritto universale".