Matteo Salvini, Virginia Raggi
in foto: Matteo Salvini, Virginia Raggi

La sindaca di Roma, Virginia Raggi, e il ministro degli Interni, Matteo Salvini, potrebbero presto proporre all'Uefa di istituire un fondo speciale per risarcire le città europee dai danni causati da turisti incivili e ultras violenti prima e dopo le partite internazionali di calcio. Questa una delle ipotesi emerse nel corso dell'incontro tra il vice presidente del Consiglio e la prima cittadina al Viminale. In più Raggi e Salvini hanno ipotizzato, la possibile soluzione è allo studio degli uffici preposti, l'obbligo del pagamento immediato delle sanzioni e un Daspo per allontanare immediatamente i tifosi violenti.

La città di Roma, si legge in una nota congiunta del ministero dell'Interno e del Campidoglio, "deve fronteggiare i turisti incivili e le tifoserie violente in occasione delle partite internazionali. Possibili soluzioni sono al vaglio degli uffici: tra le ipotesi, l'obbligo del pagamento immediato delle sanzioni e un ancora più efficace Daspo per allontanare i cosiddetti ‘barbari'. Un'altra idea è quella di sollecitare la Uefa per istituire un fondo per risarcire i danni causati dagli ultras stranieri in trasferta. Già nei prossimi giorni, hanno concordato Salvini e Raggi, ci saranno contatti tra Viminale e Campidoglio per mettere a fuoco gli strumenti normativi più efficaci". L'incontro tra Raggi e Salvini è stato definito cordiale. Sembrano essere superati, quindi, i dissapori tra i due, che nei mesi scorsi più volte si erano punzecchiati a vicenda. Da una parte il vicepremier aveva sollevato dubbi sulle capacità amministrative della sindaca e dall'altra la Raggi aveva più volte ricordato a Salvini le promesse non mantenute, come quella di aumentare il numero di poliziotti a Roma.