"Se voi fate la contromanifestazione all'Idrovolante io vi accoltello tutti come cani, vi ammazzo tutti! Io mi ricordo la faccia di ognuno di voi. Non vi picchio subito perché ci sono delle persone e poi mi denunciate". È l'autunno del 2011 e Casa Pound sta per tenere l'inaugurazione della sua sede e pub di Ostia ‘L'idrovolante'. Luca Marsella – candidato alla presidenza del X Municipio per il movimento di estrema destra – all'epoca dei fatti ha 28 anni e, assieme ad altri militanti, si reca fuori al liceo scientifico Anco Marzio per intercettare gli studenti del collettivo di sinistra, determinati a protestare contro l'insediamento di Casa Pound sul litorale romano.

Una volta intercettati Marsella non esita a minacciare gli studenti del collettivo, tutti minorenni, colpendo anche uno di loro con un ‘buffetto' sul viso. Minacce di morte che pensava passassero senza conseguenze, ma che invece gli sono costati questa estate una condanna a due mesi con pena sospesa. Una pena destinata con tutta probabilità a finire in prescrizione, ma che potrebbe indebolire l'immagine dell'uomo politico che Marsella sta presentando agli elettori, chiamati il prossimo 5 novembre a rinnovare il consiglio municipale e a scegliere il presidente.

Non è la prima volta che Casa Pound a Ostia è coinvolta in vicende simili. Solo lo scorso 5 febbraio i militanti di estrema destra sono stati accusati di aver aggredito in cinque contro uno un giovanissimo attivista dell'associazione ‘Alternativa Onlus', impegnata nell'assistenza ai senzatetto che vivono in strada, a pochi metri dalla sede del X Municipio, dove si era tenuto un incontro sulle politiche sociali alla presenza anche della sindaca Virginia Raggi con annessa contestazione di Casa Pound. Diego, questo il nome del ragazzo costretto a ricorrere alla cure mediche, ha sporto denuncia.

Luca Marsella, già finito nella bufera per i rapporti con alcuni esponenti della clan Spada, che solo pochi giorni fa hanno nuovamente confermato il loro appoggio, da settimane è presentato come la vera novità di queste elezioni ad Ostia, con alcuni sondaggi che danno il movimento che rappresenta in fortissima ascesa (sopra il 10% dei consensi), come testimoniato anche dalle decine di iniziative portate avanti in questi mesi. Alcune di queste non hanno mancato di far discutere, come le ronde contro i venditori abusivi sulle spiagge di Ostia, condannate anche dalla stessa sindaca che disse: "Nessuno deve sostituirsi alle istituzioni". Per quell'iniziativa è stata aperta un'inchiesta per violenza privata e manifestazione non autorizzata.