Valerio Proietti
in foto: Valerio Proietti

Valerio Proietti, 23 anni, sta bene e si è messo in contatto con la sua famiglia per rassicurarli. Scomparso il 2 marzo scorso da Monterotondo, Roma, il ragazzo ha deciso di telefonare ai familiari: "Ho fatto una stupidaggine, una ragazzata", ha detto al papà. Alle telecamere della trasmissione di Rai Tre ‘Chi l'ha visto?' i genitori di Valerio hanno raccontato della chiamata. "Gli ho detto: parliamone dei problemi, se ci sono, risolviamoli", racconta il padre. "La gioia è tanta perché sta bene, l'abbiamo risentito, è vivo e quando tornerà a casa sarà un'altra gioia", ha detto ancora. "Piangeva, era stanco, ma piangeva di gioia. Gli mancavamo", le parole della mamma di Valerio. Anche la sorella del ragazzo lo ha sentito al telefono: "Mi diceva ‘amore, non voglio stare da solo, venitemi a prendere'".

Valerio Proietti scomparso il 2 marzo

Questa mattina il papà del ragazzo, sempre alle telecamere di Chi l'ha visto? aveva lanciato un appello in lacrime: "Se ha fatto qualche stupidaggine, almeno avvertisse. Chiamasse mamma e papà, deve tornare a casa. Valerio lavora con me, venerdì siamo tornati insieme dal lavoro. Pure il sabato l'ha passato con me, poi è sparito, non si sa. Non abbiamo litigato, non so cos'è successo. Valerio ti prego, facci sapere qualcosa. A 24 anni ce l'ho portato io, non altri". Per il momento restano sconosciuti i motivi dell'allontanamento del ragazzo, che per il momento, comunque, non è ancora tornato a casa, anche se ha avvertito i genitori e ha detto loro di stare bene. Valerio è stato visto per l'ultima volta da un'amica intorno alle 18 del 2 marzo mentre saliva su un bus in direzione della stazione di Monterotondo Scalo. Il suo smartphone, quello con cui ha effettuato la chiamata ai genitori, risultava spento dalle 18 e 17 del 2 marzo, poco dopo di essere salito sull'autobus.