Valeria Marini all’interno della Barcaccia, la fontana di piazza di Spagna progettata da Pietro Bernini, con la collaborazione del figlio Gian Lorenzo
in foto: Valeria Marini all’interno della Barcaccia, la fontana di piazza di Spagna progettata da Pietro Bernini, con la collaborazione del figlio Gian Lorenzo

"Spero che i soldi che pagherò serviranno a sistemare la città di Roma". A scriverlo è Valeria Marini, per nulla preoccupata e con un velo d'ironia, dopo aver ricevuto una multa di 500 euro per aver fatto il bagno nella Fontana della Barcaccia di Piazza di Spagna. Oltre alla sanzione, la showgirl ha ricevuto un Daspo di 48 ore, perciò non potrà temporaneamente circolare in zona. Ad assistere alla scena alla Anita Ekberg c'erano tantissime persone, tra turisti e romani, che alla vista della bellissima Valeria si sono avvicinati a lei. Poi la showgirl cantando insieme ai suoi fan è entrata nella vasca, sotto l'ovazione di tutti. Valeria Marini ieri si trovava nel cuore di Roma per registrare il video per il suo ultimo singolo estivo ‘Me Gusta'. Gli scatti e i video della showgirl di argento vestita all'interno della vasca che si trova ai piedi della Scalinata di Trinità dei Monti, sono diventati virali, condivisi da tantissimi utenti sui vari social. Ad immortalarla oltre i cellulari, anche le telecamere di videosorveglianza poste in zona, che hanno consentito agli agenti della polizia locale di Roma Capitale di accertare la violazione.

I vigili urbani fanno la multa a Valeria Marini nella Barcaccia

Il bagno di Valeria Marini n ella fontana Barcaccia di Roma ha suscitato le critiche di molti utenti. Alcuni hanno commentato video e foto scrivendo: "Denunciatela". Gli agenti del I Gruppo ex Trevi che si trovavano in cima alla scalinata di Trinità al momento dei fatti non hanno esitato a passare al vaglio le immagini delle riprese, per verificare responsabilità a carico della showgirl. "È singolare che un noto personaggio dello spettacolo, che dovrebbe per primo fornire un esempio positivo di condotte irreprensibili, si renda invece protagonista di un'azione volgare e illecita, messa in atto solo per puri interessi personali – ha dichiarato il comandante dei vigili urbani Antonio Di Maggio, intervenendo sull'accaduto – Una condotta del genere è inammissibile e condanno fermamente questo gesto offensivo nei confronti di tutta la città e di chi si impegna ogni giorno a far rispettare le regole".