L’ospedale di Amatrice
in foto: L’ospedale di Amatrice

La Protezione Civile ha rivolto un appello alla popolazione colpita dal sisma e a tutta la cittadinanza: lasciare nella zona quanto più possibile le linee della telefonia cellulare libere, telefonando o ricevendo solo se davvero indispensabile. Le linee telefoniche sono infatti intasate, quando sono indispensabili per i soccorsi che lottano contro il tempo per sperare di estrarre vivi i dispersi da sotto le macerie di Amatrice, Accumoli e Pescara del Tronto e frazioni. Appello anche a lasciare il wi-fi internet senza password, in maniera da agevolare le comunicazioni via internet (le istruzioni per lasciare la linea internet senza fili a disposizione)

Carlo Roso, responsabile della Protezione Civile del Lazio, ha poi chiesto intervistato ad Uno Mattina, di far lavorare i soccorsi organizzati e di non improvvisarsi:"Ci sono migliaia di volontari che fanno capo alle tante organizzazioni sul territorio. E in questo momento tutte sono coordinate dalla protezione civile. Quello che bisogna evitare è di mettersi in moto da soli, spontaneamente". Le istituzioni hanno poi chiesto di lasciare sgombra via Salaria, impegnando la strada statale solo se strettamente necessario anche in questo caso per agevolare i soccorsi.