Iniziano oggi i lavori per l'abbattimento dei 500 metri di Tangenziale Est che passano sopra la stazione Tiburtina. Un'opera di cui si parla da vent'anni, e che adesso ha preso il via: il cantiere sarà operativo per 450 giorni – salvo imprevisti che potrebbero allungare i tempi – con influenze sulla viabilità cittadina. Il traffico, infatti, non sarà deviato solo nell'area circostante il cantiere, ma anche nella zona compresa tra scalo ferroviario, la stazione dei pullman e piazza Bologna. Un quadrante che, durante l'anno, è spesso congestionato dal traffico. E se nel mese di agosto i disagi potrebbero essere sopportabili, a partire da settembre – con il ritorno dalle ferie e la riapertura delle scuole – potrebbe esserci qualche problema in più. "Molte strade saranno chiuse e quindi il traffico sarà certamente faticoso in tutta la zona – ha spiegato al Corriere della Sera Gian Paolo Giovannelli, l’assessore ai Lavori Pubblici del II Municipio – I vigili saranno presenti in forze per assicurare il minimo di difficoltà, ma i lavori creeranno per forza qualche disagio. E ci auguriamo che non ci siano intoppi".

Abbattimento Tangenziale Est: come cambia la mobilità cittadina

Il Comune di Roma ha spiegato che nel quadrante interessato dai lavori saranno posizionati dei cartelloni che spiegheranno ai cittadini fasi e modalità dell'intervento. Nella zona, inoltre, sono operativi i vigili urbani, che hanno il compito di assistere gli automobilisti a causa dei cambiamenti alla viabilità. Ma cosa cambia per il traffico cittadino? Sulla Circonvallazione Tiburtina, verso via Salaria, è vietato il transito sulla corsia principale della Tangenziale Est in prossimità dello svincolo Portonaccio – Tiburtina. Sulla Circonvallazione Nomentana, verso San Giovanni, non è possibile percorrere la corsia principale in prossimità di via Teodorico, ma bisogna svoltare a destra sulla complanare. All'altezza del civico 490 – 496 è stato imposto il divieto di transito in entrata. Mentre su Via Tiburtina, andando verso piazzale del Verano, è chiusa la rampa di immissione della Tangenziale Est per i veicoli in direzione via Salaria. Chiusa anche la rampa di piazzale delle Crociate in direzione Stadio Olimpico.

Virginia Raggi: "Riqualificheremo tutto il quadrante"

Questa mattina a dare simbolicamente il via ai lavori di abbattimento della Tangenziale Est è stata la sindaca Virginia Raggi, che ha inferto alla sopraelevata la prima picconata. Insieme a lei, non solo gli addetti alle operazioni del cantiere, ma anche i cittadini e i comitati di quartiere. "Con la demolizione di uno dei tratti-simbolo della Tangenziale Est portiamo a compimento un progetto nato nel 2000, che questa Amministrazione ha voluto fortemente, e che si concluderà nei prossimi mesi – ha spiegato la sindaca – Ho voluto accanto a me, sul tratto più alto della rampa, dove Stazione Tiburtina e strada sembrano toccarsi, le persone che si occuperanno della demolizione, ma soprattutto i cittadini, i residenti della zona. Una rappresentanza dei comitati di quartiere che negli anni passati sono stati in prima linea e lo saranno ancora durante le fasi del cantiere. Con l’abbattimento di questo tratto vogliamo anche riqualificare la zona sottostante, per troppo tempo abbandonata, con un progetto che tenga conto di aree verdi, nuova illuminazione, attraversamenti pedonali e percorsi Loges. Restituiremo ai cittadini l’area della Stazione Tiburtina e diventerà un quartiere più vivibile, sicuro e sostenibile".