Non è ancora nota l'identità dell'uomo che questa mattina, intorno alle 11.30, si è gettato sotto un treno della tratta Roma – Velletri alla stazione di Ciampino. Emergono però nuovi particolari della vicenda particolarmente agghiaccianti, riportati dalle persone presenti e che – loro malgrado – hanno assistito alla tragica scena. Secondo quanto raccontato dai testimoni, l'uomo – un signore anziano di età compresa tra i 60 e i 70 anni – stava leggendo il giornale seduto su una panchina quando al sopraggiungere del treno si è alzato, si è messo in ginocchio sul binario 1 e ha aspettato con calma di essere travolto dal treno. Nessuno, tra le tante persone presenti, è riuscito a fare qualcosa per salvargli la vita. Purtroppo non hanno potuto far altro che assistere alla macabra scena senza avere la possibilità di intervenire.

Investito dal treno alla stazione di Ciampino, carabinieri e polizia sul posto

Nessuno si sarebbe aspettato un gesto del genere dall'uomo che, come tutti i pendolari presenti, stava leggendo il giornale come fosse un giorno qualsiasi. Con la differenza che stamattina aveva in testa un solo pensiero: togliersi la vita. Il macchinista lo ha visto attraversare i binari e sedersi per terra in attesa di essere investito: purtroppo, nonostante abbia attivato tutti i meccanismi per la frenata, non è riuscito a bloccare il treno in tempo. L'uomo aveva calcolato tutto alla perfezione: sapeva che, colto alla sprovvista e all'ultimo momento, non avrebbe fatto un tempo a evitare l'impatto. La circolazione è inevitabilmente bloccata per consentire il recupero della salma e i rilievi del caso da parte della polizia ferroviaria di Ciampino coadiuvata da polizia locale e carabinieri. Nella tratta tra Pavona e Ciampino sono state attivate navette sostitutive. Non è ancora nota l'identità dell'uomo né il motivo per cui si sia tolto la vita.