91 CONDIVISIONI
News sull'attentato di Berlino

Strage di Berlino, perquisite ad Aprilia due abitazioni dove Amri sarebbe stato ospite

Le indagini sulla vita e i contatti di Anis Amri hanno portato gli investigatori a perquisire due abitazioni ad Aprilia, in provincia di Latina, dove il 24enne ucciso lo scorso 23 dicembre a Sesto San Giovanni e considerato l’autore della strage di Berlino, sarebbe stato ospite lo scorso anno.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Roma Fanpage.it
A cura di Valerio Renzi
91 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
News sull'attentato di Berlino

Le indagini sui rapporti e gli spostamenti di Anis Amri, il 24enne tunisino ucciso dalla polizia a Sesto San Giovanni lo scorso 23 dicembre e considerato l'autore della strage al mercatino di Natale di Berlino, hanno portato gli inquirenti a ordinare la perquisizione di due appartamenti ad Aprilia, in provincia di Latina, da parte della Digos. Gli investigatori sono arrivati nel capoluogo pontino indagando sui rapporti di Amri con alcuni ex compagni di detenzione, visto che proprio in carcere il giovane si sarebbe radicalizzato avvicinandosi all'ideologia jihadista. Secondo quanto accertato dal pm Francesco Scavo, titolare dell'indagine, qui il 24enne sarebbe stato ospite nel 2015, e nelle stesse abitazioni risiederebbero ancora soggetti con cui Amri era in rapporto.

Proseguono intanto le indagini sugli ultimi spostamenti del 24enne: la polizia ha pubblicato una foto che immortala il giovane la sera del 22 dicembre all'interno della stazione dei treni Porta Nuova di Torino. Qui si sarebbe aggirato per alcune ore, prima di prendere un biglietto per Milano.

91 CONDIVISIONI
News sull'attentato di Berlino
18 contenuti su questa storia
Nessun complice a Milano e in Lombardia: chiuse le indagini sul terrorista Anis Amri
Nessun complice a Milano e in Lombardia: chiuse le indagini sul terrorista Anis Amri
Amri voleva andare a Roma o Napoli: perquisizioni a Sesto e indagini sugli internet point
Amri voleva andare a Roma o Napoli: perquisizioni a Sesto e indagini sugli internet point
Zaia: "Taglia di 100mila euro ai poliziotti che hanno fermato Amri". Ma non si può fare
Zaia: "Taglia di 100mila euro ai poliziotti che hanno fermato Amri". Ma non si può fare
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views