195 CONDIVISIONI

Stefan Catoi, l’uomo fermato per l’omicidio di Imen Chatbri a Roma

Stefan Catoi, 26enne rumeno, è stato fermato per l’omicidio di Imen Chatbri, la 37enne tunisina afferrata per le caviglie e gettata da Ponte Sisto a Roma nella notte tra il primo e il 2 maggio. Il ragazzo su Facebook ha aperto almeno sette profili diversi e gli investigatori stanno cercando di ricostruire la sua vita privata e lavorativa.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Roma Fanpage.it
A cura di Enrico Tata
195 CONDIVISIONI
Imen e il suo presunto killer, Stefan Catoi
Imen e il suo presunto killer, Stefan Catoi

È Stefan Catoi l'uomo fermato per l'omicidio di Imen Chatbri, la 37enne tunisina afferrata per le caviglie e gettata da Ponte Sisto a Roma nella notte tra il primo e il 2 maggio. Il 26enne di nazionalità romena sarebbe stato respinto da Imen e per questo si sarebbe vendicato. Stefan, Imen e il suo fidanzato olandese avrebbero trascorso la serata all'Antico Caffè Castellino di piazza Venezia fino all'1,30 di notte. A quel punto il giovane olandese si sarebbe alzato e sarebbe andato via, indispettito per l'atteggiamento di Stefan nei confronti della fidanzata. Battute, atteggiamenti sospetti, ammiccamenti misteriosi. Dopo circa due ore, alle 3.20, la donna è stata gettata giù da Ponte Sisto. Imen è stata ripresa dalle telecamere di sicurezza sia quando è stata spinta, che quando camminava velocemente sul lungotevere cercando di scappare a un uomo che la seguiva da lontano. Quell'uomo, hanno ricostruito gli investigatori soprattutto grazie alla testimonianza del fidanzato di Imen, sarebbe proprio Stefan Catoi.

Imen uccisa per aver rifiutato il suo killer

Il ragazzo avrebbe seguito la 37enne fin da piazza Venezia e per vendicarsi del rifiuto di lei alle sue avances l'avrebbe spinta giù dal ponte. Poi avrebbe cercato di camuffare la sua morte inscenando un finto suicidio. Ha rubato i gioielli di Imen, ma soprattutto il suo smartphone, in cui probabilmente c'erano indizi e prove della sua colpevolezza. L'uomo ancora non ha confessato: "State sbagliando, perché mi arrestate?". Domani si svolgerà l'interrogatorio di garanzia e in seguito il gip dovrà decidere se confermare o meno la misura cautelare in carcere chiesta dagli inquirenti. L'accusa dei pm nei suoi confronti è di omicidio volontario e premeditato. La prova è nel filmato che ha ripreso l'uccisione di Imen. Il ragazzo su Facebook ha almeno sette profili diversi e gli investigatori stanno cercando di ricostruire la sua vita privata e lavorativa. Molti scatti pubblicati dal giovane lo ritraggono davanti ad automobili di lusso o davanti ai più importanti monumenti di Roma.

195 CONDIVISIONI
Ucciso in strada a Ponte Mammolo, per l'omicidio di Stefan Mihai arrestate 3 persone
Ucciso in strada a Ponte Mammolo, per l'omicidio di Stefan Mihai arrestate 3 persone
Bimba muore poco dopo la nascita, 4 indagati all'ospedale Santo Spirito di Roma per omicidio colposo
Bimba muore poco dopo la nascita, 4 indagati all'ospedale Santo Spirito di Roma per omicidio colposo
Minorenne accoltellato al collo davanti ad un fast food a Roma: fermato per tentato omicidio un 17enne
Minorenne accoltellato al collo davanti ad un fast food a Roma: fermato per tentato omicidio un 17enne
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views