20 Settembre 2018
13:00

Sperlonga, costruiscono scuola senza le fondamenta per risparmiare: 2 arresti

Padre e figlio, imprenditori senza scrupoli, si sarebbero aggiudicati diversi appalti a suon di tangenti nel comune di Gaeta e Sperlonga. Pur di risparmiare hanno costruito una scuola senza fondamenta, struttura che secondo i carabinieri che l’hanno posta sotto sequestro era ha concreto rischio di crolla.
A cura di Valerio Renzi
Immagine di repertorio
Immagine di repertorio

La condotta spregiudicata di imprenditori senza scrupoli e funzionari corrotti poteva essere pagata da centinaia di piccoli alunni che rischiavano di vedersi crollare in testa la propria scuola. Succede a Sperlonga (Latina), dove il titolare di un'impresa di costruzioni e il figlio sono stati arrestati con l'accusa di corruzione, turbativa d’asta, frode in pubbliche forniture e truffa. L'inchiesta è partita dall'operazione "Tiberio" che nel gennaio dello scorso anno ha portato all'arresto dell'ex sindaco di Sperlonga Armando Cusani e importante esponente locale di Forza Italia.

Secondo gli inquirenti Pietro Ruggiero, 70 anni, e il figlio di 38 anni Francesco, non solo si sarebbero aggiudicati l'appalto per la costruzione della nuova sede dell'istituto comprensivo "Sottotenente Alfredo Aspri" a suon di tangenti, ma hanno eseguito i lavori costruendo un edificio a rischio crollo per risparmiare. In particolare la struttura era priva di fondamento e al posto di "travetti da 22 centimetri di spessore" come da progetto per il solaio, sono stati utilizzati elementi prefabbricati spessi 23 centimetri.

Secondo i tecnici che hanno eseguito i sopralluoghi il rischio che l'edificio crollasse in testa a insegnanti e studenti una volta inaugurato era concreto, tanto da far scattare il sequestro. Sequestrata anche la palestra del liceo Fermi di Gaeta, realizzata sempre dalla ditta dei Ruggieri dopo essersi aggiudicati illecitamente l'appalto, grazie alle tangenti versate al dirigente della pubblica amministrazione Isidoro Masi al momento indagato a piede libero. Sempre versando mazzette gli imprenditori si sarebbero aggiudicati anche i lavori per la locale caserma della guardia di finanza.

Femminicidio Debora Pagano, convalidato il fermo del compagno
Femminicidio Debora Pagano, convalidato il fermo del compagno
4.428 di Palma Antonio
Covid Lazio, il 18 luglio 3708 casi e 14 morti: 1962 contagi a Roma
Covid Lazio, il 18 luglio 3708 casi e 14 morti: 1962 contagi a Roma
Prete sfida la camorra con un megafono nelle piazze di spaccio e sotto casa del boss:
Prete sfida la camorra con un megafono nelle piazze di spaccio e sotto casa del boss: "Via da qui"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni