La demolizione della Tangenziale Est all’altezza della stazione Tiburtina
in foto: La demolizione della Tangenziale Est all’altezza della stazione Tiburtina

Proseguono i lavori sulla Tangenziale Est di Roma, la demolizione del primo tratto di via Masaniello è stata terminata. Nuovo cambio di viabilità al Tiburtino, con una disposizione provvisoria della polizia locale di Roma Capitale, che resterà in vigore fino al 16 febbraio del 2020. A comunicarlo in una nota il Campidoglio. "I lavori di abbattimento della Tangenziale Est proseguono spediti – scrive in una nota l'assessore alle Infrastrutture, Linda Meleo – per questo è necessaria una modifica della viabilità nella zona. Confidiamo che i residenti siano pazienti in questa fase del cantiere, per completare un lavoro che attendevano da più di  vent'anni".

Come cambia la viabilità al Tiburtino

L'accesso è vietato su via Tiburtina per i veicoli provenienti dal Verano, che potranno proseguire in direzione Portonaccio. Chiusa al transito anche Circonvallazione Nomentana, all'altezza del piazzale della Stazione Tiburtina. In questo punto verrà realizzata una corsia riservata ai mezzi di soccorso. Per chi proviene dalla Circonvallazione Nomentana dovrà rispettare l'obbligo di svoltare a destra verso via Pietro l'Eremita. Vietato parcheggiate sotto il tratto di Tangenziale a via di Teodorico e da via Lorenzo il Magnifico a via Guido Mazzoni, pena la rimozione forzata. Divieto di sosta anche in via Guido Mazzoni, fatta eccezione per l'area centrale destinata al parcheggio dei pullman e al transito dei mezzi Atac. Su via Arduino, il limite massimo di velocità è di 30 chilometri orari.

La demolizione della Tangenziale Est è iniziata ad ottobre

La demolizione della Tangenziale Est sono iniziati ufficialmente lo scorso 7 ottobre alla presenza della sindaca Virginia Raggi. Tuttavia i lavori sono partiti ad agosto, considerate le indagini preliminari previste dalla legge. L'obiettivo dell'abbattimento della sopraelevata è riqualificare il quartiere, con degli investimenti ‘green' che possano valorizzarlo e renderlo una piacevole zona residenziale. Inevitabili i disagi alla circolazione per i residenti del quadrante, a causa di chiusure e deviazioni.