Immagine Google
in foto: Immagine Google

Gli investigatori che indagano sulla morte di Olga Galindo Realpe non escludono l'ipotesi di omicidio. Il corpo senza vita della 72enne è stato trovato ieri mattina martedì 9 luglio all'interno della sua abitazione in via di Val Melaina 46, nel quartiere Montesacro a Roma. Al momento è giallo sull'accaduto, nell'attesa che arrivino i risultati degli esami autoptici a fare chiarezza. L'Autorità Giudiziaria ha infatti disposto l'autopsia sulla salma della donna. Secondo i primi accertamenti svolti dal medico legale pare che il decesso sia riconducibile a qualche ora precedente al ritrovamento. Per capire se si sia trattato di una morte accidentale o violenta sarà necessario aspettare ancora. Forse Olga ha battuto la testa dopo essere caduta colta da un malore improvviso, oppure potrebbe aver avuto una lite con qualcuno, che ha avuto esito tragico. Al momento gli investigatori escludono che si sia trattato di una rapina, perché non sono state trovate effrazioni né mancherebbe nulla dall'appartamento.

Donna trovata morta in via Melaina: aveva una ferita alla testa

Il drammatico rinvenimento risale intorno alle 10, quando una vicina, dopo aver trovato la porta socchiusa, si è insospettita, è andata a vedere se la donna fosse in casa e avendola vista in quello stato ha dato l'allarme. Sul posto sono intervenuti i paramedici del 118 e i carabinieri della Compagnia di Montesacro e del Nucleo Investigativo di via in Selci. I militari sono entrati all'interno dell'abitazione e la scena che si sono trovati davanti è stata molto forte: la donna era riversa a terra priva di sensi, il corpo si trovava disteso accanto a un tavolo e sul pavimento c'era del sangue. I carabinieri avvicinandosi hanno notato una ferita alla testa. Per la 72enne purtroppo non c'è stato nulla da fare per salvarle la vita. Olga era originaria della Bolivia ma da tempo residente a Roma.