Ha spaccato con una testata il finestrino dell'autobus per una banale lite con la fidanzata. Protagonista dell'assurda vicenda un ragazzo di 17 anni che è stato denunciato dai carabinieri della stazione Montespaccato per interruzione di pubblico servizio, danneggiamento e oltraggio a pubblico ufficiale. L'episodio si è verificato venerdì pomeriggio, a bordo dell'autobus 46, la stessa linea dove qualche settimana fa una banda di ragazzini ha pestato a sangue l'autista che li aveva rimproverati. Il mezzo stava transitando in via Mattia Battistini quando il 17enne, che aveva litigato con la ragazza, si è arrabbiato e ha dato una testata al vetro, rompendolo. Subito l'autista ha fermato la corsa e ha chiamato il 112, chiedendo l'intervento dei carabinieri.

Sul posto sono arrivati i carabinieri della Compagnia di Montespaccato, che hanno fermato il giovane e la fidanzata. Il ragazzo è stato denunciato per interruzione di servizio pubblico, danneggiamento e oltraggio a pubblico ufficiale. Questo perché, quando sono arrivati, ha pensato bene di iniziare a insultare i militari. Che gli hanno aggiunto un'altra denuncia oltre alle due già comunicate. Il 17enne è stato poi accompagnato al policlinico Gemelli per accertamenti visto il colpo che aveva dato al finestrino. La linea 46 è la stessa dove l'autista Lucio Iannucci è stato pestato da un branco di otto ragazzini. L'uomo era intervenuto perché stavano fumando a bordo dell'autobus e perché, oltre a disturbare i passeggeri, avevano azionato la leva d'emergenza che fa aprire le porte del mezzo. Non hanno ben digerito che l'autista gli avesse detto di stare buoni e l'hanno picchiato, rompendogli il setto nasale. Una violenza cieca, che ultimamente si sta abbattendo sempre più spesso sui malcapitati autisti, specialmente quelli del turno di notte.