Le immagini dell’aggressione
in foto: Le immagini dell’aggressione

È stato fermato e arrestato per tentato omicidio l'uomo che ha massacrato di botte un portantino all'interno del Policlinico Umberto I di Roma. Alukwe Okecku, 48enne di nazionalità nigeriana, era latitante e ricercato dopo l'episodio di violenza avvenuto sabato 1 giugno scorso all'interno della sala d'aspetto dell'ospedale. Sulle sue tracce si erano messe le forze dell'ordine, che hanno condotto una vera e propria caccia all'uomo. A trovarlo i carabinieri della Compagnia Roma Centro, che lo hanno rintracciato mentre si trovava all'interno dell'ospedale Santo Spirito. Come riporta Il Messaggero, l'uomo si trovava nel nosocomio del Lungotevere in Saxia dopo l'ennesima aggressione. Arrivato in ospedale con tso, questa mattina ha aggredito una ragazza di trentasette anni prendendola a schiaffi alla Stazione Termini.

Aggredisce i carabinieri

Okecku che aveva da poche ore finito di scontare una condanna di un anno e quattro mesi di reclusione nel carcere di Velletri per violenza sessuale, resistenza al pubblico ufficiale e lesioni, aveva a suo carico un decreto di espulsione e doveva essere condotto nel centro di permanenza per i rimpatri di Potenza. Ma mentre si trovava in viaggio all'interno dell'auto di servizio dei carabinieri, ha dato in escandescenza e ha aggredito i militari, che per riuscire a fermarlo hanno dovuto chiamare i rinforzi. Okecku ha trascorso una notte in cella in caserma, dove, ancora visibilmente agitato, si è procurato un taglio alla testa. Per questo motivo i militari lo avevano portato in ospedale.

Massacra di botte un portantino al Policlinico

Ma al processo per direttissima il giudice ha convalidato l'arresto senza però ritenere opportuna alcuna misura cautelare, ritenuta non compatibile con le sue attuali condizioni di salute. Il giudice inoltre ha avuto dubbi sull'origine della ferita riportata dall'uomo, per questo motivo ha chiesto che venissero svolti alcuni accertamenti sui carabinieri che si sono occupati in prima persona dell'arresto. Nel frattempo Okecku, mentre si trovava nella sala d'aspetto del Policlinico ha aggredito un portantino, facendolo cadere dopo averlo preso a spinte e colpendolo con calci e pugni, fino all'intervento di un medico che è giunto in suo soccorso. L'aggressore poi si è dato alla fuga, mentre il dipendente dell'ospedale addetto al trasporto dei malati sulla barella è stato medicato.