3.984 CONDIVISIONI
Coronavirus
10 Luglio 2020
11:33

Quattro voli e 900 passeggeri sbarcati a Roma dal Bangladesh: si cercando possibili positivi

Quattro aerei e 900 passeggeri arrivati a Roma da Dacca a giugno, prima della chiusura delle frontiere per i viaggiatori provenienti dal Bangladesh, potrebbero nascondere casi di coronavirus. Le Asl romane sono al lavoro per rintracciare tutte le persone che hanno viaggiato a bordo dei voli e ai loro contatti, per sottoporli a tampone e a quarantena.
A cura di Alessia Rabbai
3.984 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

Le Asl romane sono al lavoro per rintracciare i 900 passeggeri, quasi tutti bengalesi, arrivati nella Capitale con quattro aerei da Dacca, prima che l'Italia chiudesse i voli provenienti dal Bangladesh, dopo i numerosi casi accertati di Covid di rientro in città dal Paese asiatico. A viaggiare a bordo di quegli aerei c'erano probabilmente alcuni passeggeri positivi al coronavirus, che, complice l'ambiente chiuso della cabina e l'aria condizionata, potrebbero aver diffuso il virus, contagiando anche gli altri viaggiatori. È allerta a Roma, l'attenzione resta alta all'aeroporto di Fiumicino e nella Asl Roma 2, dove sono in corso i tamponi per la ricerca del Covid-19 ai quali si stanno sottoponendo i componenti della comunità del Bangladesh. Ieri a risultare positivi sono stati in 14, mentre i primi 270 test effettuati hanno dato esito negativo. Nel Lazio tra i 28 nuovi casi positivi di giovedì 9 luglio, 22 sono di importazione e di questi 18 hanno un link con i voli di rientro dal Bangladesh già attenzionati. Le Asl romane hanno l'elenco dei passeggeri dei quattro voli, atterrati nello scalo romano il 12, il 17 il 23 e il 26 giugno per rintracciare i passeggeri, tracciare i loro contatti e sottoporli a tampone e in caso di positività, metterli in quarantena, per evitare la propagazione del contagi.

Positivo viola l'isolamento domiciliare

La difficoltà del risalire ad alcune persone è la dichiarazione di falsi domicili, per poi di fatto trovarsi altrove, dopo essersi spostati in un secondo momento. Senza tralasciare il caso degli asintomatici o di coloro che con sintomi lievi, continuano a spostarsi in città ed ad essere fonte di potenziale contagio. Nei giorni scorsi un cinquantatreenne cittadino del Bangladesh atterrato a Fiumicino da Dacca, positivo al coronavirus ha violato l'isolamento domiciliare al quale era stato sottoposto, spostandosi in treno con febbre e tosse da Roma alla Romagna e dalla Romagna a Roma, passando per le Marche, per poi essere fermato alla stazione Termini dalla Polfer.

3.984 CONDIVISIONI
27065 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni