35.312 CONDIVISIONI
Coronavirus
9 Luglio 2020
12:12

Viaggia in treno positivo al coronavirus: fermato alla stazione Termini con tosse e febbre

Gli agenti della polizia ferroviaria hanno fermato un cinquantatreenne cittadino del Bangladesh con la tosse alla stazione Termini. L’uomo, positivo al coronavirus e sottoposto ad isolamento domiciliare fiduciario, proveniente con un volo dal Bangladesh, ha viaggiato da Roma alla Romagna, passando per le Marche e tornando nella Capitale.
A cura di Alessia Rabbai
35.312 CONDIVISIONI
I controlli alla stazione Termini (La Presse)
I controlli alla stazione Termini (La Presse)
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

In treno dalla Romagna a Roma positivo, è stato fermato alla stazione Termini con tosse e febbre. Protagonista della vicenda un cinquantatreenne cittadino del Bangladesh, che, nonostante l'isolamento domiciliare fiduciario al quale era stato sottoposto perché aveva contratto il Covid-19, non solo lo aveva infranto, ma si sentiva libero di viaggiare dal centro al Nord Italia, per poi tornare nuovamente indietro, utilizzando il treno. A riportare il racconto Il Messaggero, che ha spiegato come a fermare il suo viaggio sono stati gli agenti della polizia ferroviaria, presso il maggiore scalo della Capitale. Ad attirare l'attenzione della Polfer durante il turno di servizio, le condizioni di salute dell'uomo, che manifestava forte e sospetta tosse, uno dei sintomi di chi contrae il coronavirus. Raggiunto dagli agenti, è stato sottoposto a misurazione della temperatura corporea con termoscanner, che ha rilevato febbre. Subito si è attivata la macchina dei soccorsi: l'uomo è stato trasportato in ambulanza all'ospedale Policlinico Umberto I di Roma. Il tampone poi, ha confermato l'esito positivo.

Indagine epidemiologica in corso

È in corso un'indagine epidemiologica per ricostruire gli spostamenti del cittadino del Bangladesh, arrivato a Roma il 23 giugno scorso, con un volo proveniente dal Bangladesh, che è sbarcato nella Capitale e ha viaggiato in treno. Secondo il suo racconto avrebbe viaggiato da Fiumicino alla Romagna, per poi spostarsi nelle Marche e fare ritorno a Roma. Lungo il tragitto potrebbe aver incrociato decine di persone alla cui identità è difficile risalire, se non impossibile, con potenziali contagi. L'episodio fa di fatto riflettere sull'importanza, come indicato dalle regole per limitare i contagi da coronavirus, di utilizzare la mascherina, specialmente nei luoghi chiusi, di rispettare la distanza sociale e di far uso di gel igienizzante per le mani.

35.312 CONDIVISIONI
27064 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni