Poliziotti accerchiati a Tor Bella Monaca
in foto: Poliziotti accerchiati a Tor Bella Monaca

Durante un fermo nel corso di un'operazione antidroga a Tor Bella Monaca, quartiere alla periferia sud est di Roma, due poliziotti sono stati accerchiati dai residenti. Gli agenti hanno quindi estratto la pistola d'ordinanza per far disperdere la folla. Un video ripreso dal cellulare di un cittadino mostra come la polizia abbia prima speronato un'automobile e poi abbia fatto scendere i due ragazzi a bordo, un 17enne e un 24enne. A quel punto diversi ragazzi hanno cominciato ad avvicinarsi alla macchina di fatto circondando i due uomini delle forze dell'ordine. Per il ministro degli Interni Matteo Salvini si è trattato di "una disgustosa aggressione alle forze ordine da parte di spacciatori e spacciatrici". I due giovani sono stati arrestati per lesioni e resistenza a pubblico ufficiale. "Andremo fino in fondo perché non esistono zone franche a Roma. Andrò personalmente a Tor Bella Monaca", ha promesso il vice presidente del Consiglio nel corso di un intervento in diretta ai microfoni di Radio Radio.

Raggi: "Inaccettabile vedere i poliziotti accerchiati"

Sulla vicenda ha si è espressa anche la sindaca di Roma, Virginia Raggi, che ha twittato: "Inaccettabile vedere poliziotti accerchiati durante un'operazione antidroga a Tor Bella Monaca. Solidarietà alle Forze dell'Ordine che presidiano il nostro territorio. Continua la lotta contro la criminalità". Matteo Orfini, presidente del Partito democratico ha sottolineato come le immagini segnalino "quanto sia difficile e prezioso il lavoro delle forze dell'ordine, soprattutto in quartieri particolarmente difficili. Non possiamo rassegnarci ad abbandonare all'illegalità interi quartieri che meritano molto ma molto di più". "Lo Stato faccia sentire forte la sua presenza, anche con l'Esercito. Stop zone franche", ha chiesto la presidente di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni.  "Sono vicino e mando un forte abbraccio a quei poliziotti che oggi sono stati accerchiati. Gli uomini delle forze dell'ordine compiono un lavoro importantissimo per la tutela quotidiana dell’ordine pubblico e al loro fianco le istituzioni devono essere sempre presenti, solidali e collaborative. Vi siamo vicini e vi diciamo grazie per il lavoro difficile ed essenziale che fate", ha dichiarato in una nota il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti.

Da successivi accertamenti svolti sull'automobile su cui viaggiavano i due ragazzi, è emerso che la stessa era di proprietà di una 54enne. La figlia della donna aveva con sé le chiavi di un furgone all'interno del quale sono stati trovati 650 grammi di marijuana e una pistola risultata rubata. Madre e figlia sono state arrestate per spaccio in concorso e la più giovane dovrà rispondere anche per la ricettazione dell'arma.