Il farmaco contenente ranitidina
in foto: Il farmaco contenente ranitidina

Farmaci contenenti ranitidina vietati al commercio per impurità potenzialmente cancerogena ma somministrati a pazienti in chemioterapia. È successo questa mattina all'ospedale di Tor Vergata a Roma, nel reparto di Oncoematologia, dove il farmaco, appartenente a uno dei lotti dei quali ne è stato interdetto l'uso per essere analizzato, è stato somministrato ai pazienti. La donna ha contattato Fanpage.it per segnalare l'accaduto, spiegando di aver chiesto di visionare la scatola contenente la soluzione iniettabile, essendo a conoscenza dell'avviso pubblicato il 20 settembre sul portale dell'Agenzia Italiana del Farmaco che ne vieta l'uso.

Cos'è la ranitidina

La ranitidina è un principio attivo che si trova in farmaci come questo, un gastroprotettore utilizzato nei pazienti sottoposti a terapia. I medicinali a base di ranitidina sono utilizzati per ridurre la produzione di acido nello stomaco per bruciore, reflusso gastroesofageo e ulcera gastrica. La stessa Agenzia Italiana del Farmaco ha informato i pazienti che "sono disponibili in commercio altri medicinali con le stesse indicazioni terapeutiche, basta rivolgersi al proprio medico per discutere la possibilità di una terapia alternativa".

Farmaci a base di ranitidina ritirati dal commercio

I farmaci a base di ranitidina sono stati vietati o ritirati dal commercio per la possibile presenza di un'impurità nel principio attivo potenzialmente cancerogena per l'uomo. Si tratta dell'impurezza N-nitrosodimetilammina (NDMA) appartenente alla classe delle nitrosammine che, come sottolinea la stessa Agenzia, è già stata riscontrata l'anno scorso in alcuni farmaci anti-ipertensivi (sartani). L'allarme è scattato dopo che i test hanno dimostrato la presenza dell'impurezza in alcuni lotti contenenti ranitidina prodotta presso l’officina farmaceutica SARACA LABORATORIES LTD in India.

La risposta del Policlinico di Tor Vergata

Il Policlinico di Tor Vergata ha fatto sapere che ieri mattina sono partite le comunicazioni e avviate le procedure di sospensione e ritiro del farmaco all'interno dell'ospedale, dopo la comunicazione pubblicata sul sito Aifa quattro giorni fa del divieto di utilizzo di alcuni lotti contenenti ranitidina e dopo l'articolo di Fanpage.it che ha segnalato come il farmaco con il principio attivo venisse ancora somministrato ai pazienti in chemioterapia del reparto di Oncoematologia. Contattato da Fanpage.it il Policlinico di Tor Vergata ha assicurato di essere sempre impegnato nel rispetto della sicurezza delle cure dei propri pazienti. "Riteniamo che la presenza del farmaco, così come segnalato, sia stata possibile in quanto in concomitanza con le procedure di ritiro del farmaco, a seguito della comunicazione dell'Aifa".