Si chiama Rosa Losacco, quarantotto anni, del posto, la donna trovata morta ai piedi di una scala antincendio del palazzo della Asl di Poggio Mirteto in via Finocchieto. Addetta alle pulizie di professione, è precipitata nel vuoto per circa dieci metri, per cause ancora tutte da accertare. I carabinieri della locale Compagnia, che indagano sul caso e stanno riscostruendo la dinamica dell'accaduto, per ora non escludono nessuna pista, dalla caduta accidentale che farebbe pensare a un incidente sul lavoro, al gesto volontario. Secondo le prime informazioni emerse dalle indagini, al momento in cui sono accaduti i drammatici fatti erano le 14 e la donna stava prestando servizio all'interno della struttura, con un intervento di pulizia. Pare fosse sola quando, improvvisamente, è precipitata da una finestra.

La donna è morta per gravi ferite e traumi provocati dall'impatto con il suolo

Ad accorgersi di lei un suo collega, che ha udito un tonfo e, affiacciatosi, ha visto il suo corpo riverso al suolo. Inutili i soccorsi, per la donna non c'è stato purtroppo nulla da fare. Presenti i paramedici del 118, gli ispettori della Asl e i militari, la cui caserma si trova poco distante dall'edificio della Regione. Subito giunti sul posto, a seguito dell'accertamento del decesso, si sono occupati di svolgere i rilievi scientifici. Terminati i primi esami sul corpo della donna, la salma è stata trasferita in obitorio, a disposizione dell'Autorità Giudiziaria. A risultarle fatali le ferite e i traumi riportati a seguito della violenta caduta, le sue condizioni di salute sono parse fin da subito molto gravi, arrivati i soccorritori era già morta.