4 Ottobre 2016
9:20

Paola Muraro è indagata con Franco Panzironi, l’ex ad di Ama di Mafia Capitale

Nel registro degli indagati, con l’ipotesi di abuso di ufficio, assieme all’assessore Paola Muraro e l’ex direttore generale di Ama Giovanni Fiscon, finisce anche l’ex ad Franco Panzironi, considerato uno degli uomini chiavi di Mafia Capitale. Nel mirino degli inquirenti i compensi e gli incarichi da consulente di Muraro.
A cura di Valerio Renzi

Franco Panzironi, il signore di Ama ai tempi di Gianni Alemanno e figura chiave del processo Mafia Capitale, è stato iscritto nel registro degli indagati assieme all'assessore Paola Muraro e all'ex direttore generale di Ama Giovanni Fiscon. Nel mirino degli inquirenti gli anni da consulente esterno dell'attuale assessore della giunta guidata da Virginia Raggi in Ama. Consulenze d'oro, 500.000 euro dal 2009 ad oggi (oltre 1 milione in dodici anni). Una cifra enorme, soprattutto perché accumulata con incarichi ad hoc che gli avrebbero permesso di far aumentare la propria parcella: Muraro non solo era responsabile per l'IPPC degli impianti Tmb di Rocca Cencia e Salario, ovvero aveva il compito di vigilare sull'impatto inquinante e le norme sui rifiuti, ma ha accumulato anche altri incarichi. Nel mirino de c'è poi quello scatto da 60.000 a 80.000 euro annuali durante l'era Panzironi, apparentemente senza nessuna giustificazione. Per tutti e tre l'ipotesi di reato è quella di abuso di ufficio.

Muraro: "Mai pensato a dimettermi. Pieno sostegno da Raggi"

Non è escluso che nei prossimi giorni l'assessore si rechi a rendere dichiarazioni spontanee di fronte ai pm. Il caso Paola Muraro rischia di far cadere una nuova tegola sul già travagliato percorso dell'amministrazione guidata da Virginia Raggi: se finora la sindaca ha difeso con apparente determinazione la sua collaboratrice, riponendo nelle sue capacità e nella sua esperienza la risoluzione del problema rifiuti a Roma, e la messa a punto di un piano che gradualmente porti la capitale fuori dall'emergenza, le cose potrebbero cambiare nei prossimi giorni. Un'ipotesi quella delle dimissioni smentita seccamente della diretta interessata, che ha chiarito di "non averci mai pensato", e ha affermato di avere "il pieno sostegno da parte di Raggi" che non gli avrebbe mai chiesto "passi indietro di alcun genere".

La 'ndrangheta a Roma, smantellata una 'locale': gestiva panifici e pasticcerie nella Capitale
La 'ndrangheta a Roma, smantellata una 'locale': gestiva panifici e pasticcerie nella Capitale
Si fingono amici di famiglia e molestano una 17enne alla fermata dell'autobus
Si fingono amici di famiglia e molestano una 17enne alla fermata dell'autobus
Covid Lazio, bollettino di giovedì 17 novembre: 3.600 nuovi casi e un morto, 1.850 contagi a Roma
Covid Lazio, bollettino di giovedì 17 novembre: 3.600 nuovi casi e un morto, 1.850 contagi a Roma
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni