Un molestatore sessuale è stato arrestato nella giornata di ieri – venerdì 9 marzo – a bordo del bus 64 dell'Atac, una delle linee più affollate che va dalla Stazione Termini alla zona San Pietro. L'uomo, 39 anni di nazionalità congolese, si è avvicinato ad una donna e ha iniziato a palpeggiarla sulle parti intime e a strusciarsi contro di lei, tentando anche di baciarla.

Purtroppo per lui quella che aveva scelto come vittima delle sue molestie, altri non era che un'agente di polizia fuori servizio, un'assistente capo in servizio alla squadra mobile e assegnata tra l'altro alla task force che si occupa di reati sessuali. Abituata ad arrestare uomini violenti, questa volta gli è toccato ammanettare il suo stesso molestatore.

L'agente, che stava rientrando a casa dopo aver smontato dal turno di servizio, ha reagito immobilizzando l'uomo e arrestandolo. Ad attendere il molestatore al capolinea della Stazione Termini una volante mobilitata dalla poliziotta. Il molestatore è stato preso in custodia e identificato dagli agenti che hanno raccolto la denuncia della collega.