C'era una volta Ostia simbolo del malaffare e dei rapporti corrotti tra politica, imprenditoria e criminalità. Qui Virginia Raggi concludeva la sua campagna elettorale e il Movimento 5 stelle faceva il pieno di voti. Un risultato storico confermato alle elezioni municipali con l'elezione di Giuliana Di Pillo. Oggi, tre anni dopo il trionfo del 2016 e quattro anni dopo la marcia per la legalità guidata da Beppe Grillo sul lungomare, il Movimento 5 stelle cerca l'accordo con il Partito Democratico. A dirlo chiaro e tondo è il consigliere comunale e leader storico del M5s a Ostia Paolo Ferrara, in una dichiarazione rilasciata a il Messaggero: "L'esperimento ora si può realizzare anche perché il candidato del Pd alle ultime municipali, Athos De Luca, è passato con Italia viva di Renzi, e con gli altri consiglieri rimasti si può finalmente iniziare a pensare a un percorso insieme"

L'idea è quella di una delega, quella dei rapporti con la Regione Lazio, da affidare a Margherita Welyam, unica consigliera dem dopo l'addio di De Luca. Un primo passaggio per sperimentare una cooperazione di più ampio respiro e chissà cosa potrà accadere tra due anni quando si tornerà alle urne. Quello che già è stato chiamato il "patto della tellina", potrebbe anticipare l'accordo in Regione Lazio, che però appare sempre più lontano dopo la sconfitta in Umbria.

Ma i diretti interessati smentiscono che l'accordo sia cosa fatta, anche se dei contatti informali in Campidoglio ci sono stati. "A noi nessuno ha detto niente sul territorio – spiega Flavio De Santis, segretario del Pd in X Municipio, a Fanpage.it – E aggiungo che escludiamo, assieme alla nostra consigliera, che un accordo con il Movimento 5 stelle con un ingresso di fatto nella maggioranza sia una strada praticabile. Il Partito Democratico, i suoi rappresentanti istituzionali, i suoi iscritti e militanti stanno conducendo una dura battaglia dall'opposizione e continueremo a farla. Ovviamente siamo aperti alla collaborazione nelle sedi opportune per il bene del territorio e su singoli provvedimenti". 

M5s X Municipio: "Niente deleghe al Pd, priorità al nostro programma"

"Apprendiamo dagli organi di stampa, in particolar modo da “Il Messaggero” che il MoVimento 5 Stelle del X Municipio, sarebbe in procinto di fare un eventuale accordo con il Partito Democratico attraverso il riconoscimento di una delega assessorile: “Nulla di più falso e fantasioso”. La nostra agenda politica al momento non contempla nessuna trattativa propedeutica ad una alleanza con il PD, né tantomeno, sono in vista possibili deleghe esterne, da parte della Presidente del X Municipio di Roma Capitale, ad esponenti Dem, ovviamente altro è il dialogo sui temi, che può facilitare il lavoro per i cittadini. L’Amministrazione del X Municipio è concentrata in questo momento a lavorare per portare avanti il proprio programma e dare risposte ai tanti problemi del territorio, tutto il resto è fantapolitica".  Così in una nota congiunta, la Presidente del X Municipio, Giuliana Di Pillo, il Capogruppo M5S, Antonio Di Giovanni e il Consigliere Capitolino Paolo Ferrara.