Joe Cappuccio, il rapinatore seriale arrestato a gennaio
in foto: Joe Cappuccio, il rapinatore seriale arrestato a gennaio

L'originale, cioè colui per il quale era stato coniato il soprannome di "Joe Cappuccio", era stato arrestato a gennaio dai carabinieri. Ma adesso a Ostia sarebbe tornato in azione un rapinatore che emula le gesta del 42enne romano già finito in manette. Stando a quanto riporta il quotidiano "Il Messaggero", il rapinatore avrebbe colpito già quattro volte negli ultimi dieci giorni, l'ultima volta martedì mattina. Le sue vittime sono state finora sempre donne sole, aggredite nei pressi della stazione Stella Polare di Ostia, sulla linea ferroviaria Roma-Lido. Stando alle descrizioni rese dalle vittime, il "nuovo Joe Cappuccio" sarebbe un uomo moro e con la barba, alto circa un metro e 75. Anche lui agirebbe coperto con un cappuccio per rendersi poco riconoscibile: avvicina le sue vittime, le aggredisce in alcuni casi colpendole con dei pugni e poi le rapina delle borse.

I carabinieri sono sulle tracce dell'emulo di Joe Cappuccio

I carabinieri della compagnia di Ostia, gli stessi che avevano arrestato il "Joe Cappuccio" originale, sarebbero già sulle tracce del suo imitatore: negli scorsi giorni circa 50 militari dell'Arma hanno pattugliato le varie stazioni della Roma-Lido, anche con l'obiettivo di individuare elementi sospetti. In attesa che il rapinatore seriale venga arrestato, il rischio è che nel quartiere si diffonda una sorta di psicosi, così com'era avvenuto con il primo Joe Cappuccio: prima del suo arresto l'uomo era diventato il terrore dei pendolari di Ostia anche per via della violenza utilizzata durante le rapine: l'uomo aggrediva le sue vittime minacciandole anche con un coltello e non esitava a scaraventarle a terra per rapinarle.