Chi stanno coprendo Anastasiya Kylemnyk e Giovanni Princi? La fidanzata e l'amico del cuore di Luca Sacchi non hanno ancora chiarito molti elementi della catena di eventi culminata con l'omicidio del giovane lo scorso 23 ottobre. Prima di tutto ci si aspetterebbe da due giovanissimi incensurati, che provengono da famiglie e contesti "normali", la scelta di parlare, di dire tutto di fronte ad eventi così gravi e all'enormità della morte di un ragazzo di 24 anni. E invece Anastasiya prima avrebbe mentito agli inquirenti, poi ha scelto di non spiegare cosa è davvero è accaduto.

Omicidio Luca Sacchi: indagini e i nuovi arresti

Anche Princi in molti si sarebbero aspettati che si sarebbe presentato spontaneamente, raccontando tutto quello che sapeva, essendo ampiamente citato il suo nome nelle carte del provvedimento di arresto nei confronti di Valerio Del Grosso e Paolo Pirino, come colui che aveva trattato con i due pusher l'acquisto di una partita di marijuana. E invece così non è stato, ha aspettato di venire arrestato lo scorso venerdì senza tentare di alleggerire o spiegare la sua difficile posizione.

Di chi hanno paura Giovanni e Anastasiya?

Perché se ormai chiara la dinamica che ha portato Valerio Del Grosso e Paolo Pirino a trasformare uno scambio di droga e denaro in una rapina, con la ricostruzione del ruolo di Marcello De Propris come colui che ha fornito i 15 chili di marijuana e anche la pistola a Del Grosso, rimane ancora tutto da capire come Giovanni Princi e Anastasiya Kylemnyk abbiamo messo insieme i 70.000 euro in contanti che sarebbero stati nello zainetto della giovane, e dove la marijuana sarebbe stata piazzata. La domanda a cui ora gli inquirenti devono rispondere è se i due giovani stanno ancora comprendo qualcuno. Qualcuno di cui evidentemente hanno molta paura.