Maria Sestina Arcuri e Andrea Landolfi
in foto: Maria Sestina Arcuri e Andrea Landolfi

Andrea Landolfi, nei confronti del quale la procura di Viterbo ha ipotizzato il reato di omicidio volontario per la morte di Maria Sestina Arcuri è stato denunciato da una sua ex fidanzata per molestie e maltrattamenti, accuse dalle quali è stato assolto, perché "il fatto non sussiste". Gli inquirenti in sede di indagine hanno controllato la sua casella giudiziaria dalla quale è emerso che il 30enne romano non ha precedenti, ma una sua compagna prima della relazione con Sestina si era rivolta alle forze dell'ordine per le percosse da lui ricevute.

Per questo Andrea ha subito un processo dal quale è stato assolto a novembre scorso, proprio nel periodo in cui ha iniziato a frequentare la 26enne di Nocara che solo due mesi dopo, la notte del 3 febbraio scorso, è deceduta. ‘Chi l'ha visto?' condotto da Federica Sciarelli, ha riportato il racconto dell'ex di Andrea, una storia cesellata di continue e ripetute violenze fisiche e psicologiche. Durante la loro relazione, Andrea aveva difficoltà a gestire la sua aggressività, che sfociava in numerose risse, aveva spesso sbalzi d'umore e si adirava, minacciando di suicidarsi. Era possessivo e se per strada qualcuno la guardava, finiva per insultarla pesantemente. Quando era nervoso spaccava gli oggetti che gli capitavano sotto mano e, proprio un giorno in cui ciò è accaduto, lei ha tentato di fermarlo e Andrea l'ha afferrata, prendendola a schiaffi, tirandole e i capelli e mordendola. La ragazza è andata al pronto soccorso ma per non creare problemi al fidanzato ha detto di essersi procurata le ferite e lividi che aveva sul corpo dopo una caduta.

Andrea le ha chiesto scusa e le ha promesso di farsi aiutare, ma così non è stato e l'ha picchiata di nuovo, ubriaco, sferrandole calci e pugni, poi l'ha colpita alla schiena. A seguire, un alternarsi di rotture e riconciliazioni date dal fatto che Andrea, dopo averla picchiata, tornava da lei piangendo, supplicando di perdonarlo. Le violenze però sono continuate finché lei si è rivolta a un centro antiviolenza e ha sporto denuncia. Dopo ulteriori insistenze, lei ha deciso di darle l'ultima possibilità e ha ritirato la denuncia. Un procedimento penale che però non può essere fermato e che è proceduto d'ufficio: dopo tre anni c'è stato il processo ma nel frattempo la coppia di è separata definitivamente. L'assoluzione è arrivata a novembre scorso, proprio nel periodo in cui Andrea stava iniziando la sua nuova relazione con Sestina. Riguardo al passato di Andrea, Luca Cococcia, suo legale difensore ha dichiarato: "Il mio assistito è stato assolto con formula piena, perché il fatto non sussiste. Ciò che conta è la sentenza: evidentemente chi ha sporto denuncia ha avuto una percezione differente da quella che è effettivamente la realtà. La persona offesa denuncia, i tribunali decidono".